Udine ritrova la vittoria dopo la battuta d'arresto interna e lo fa all'AGSM Forum di Verona, in casa di una Scaligera ancora alla ricerca della quadratura del cerchio. Apu scintillante nei quarti dispari, soprattutto nel terzo, quando recupera dallo sbandamento di fine primo tempo e allunga in maniera decisiva nel punteggio, non guardandosi più indietro. Prova di spessore per i ragazzi di coach Boniciolli che possono così festeggiare il Natale con una vittoria sotto l'albero e la seconda posizione nel girone. Queste le pagelle:

Johnson 7,5: se si accende son guai e infatti Udine ritrova la sua veste migliore quando dalle mani dell'americano nascono tanti punti (24 questa sera). Decisivo, tanto per cambiare.

Deangeli 6,5: altra prova positiva. Si mette in luce soprattutto nel primo quarto, spegnendosi un poco nel difficile secondo quarto e calando alla distanza.

Mobio 6,5: sulla strada giusta, continua a crescere, commettendo comunque qualche errore ma giustificando il suo aumento nel minutaggio sul campo, dove più conta. Ci voleva dopo un avvio di stagione complicato.

Foulland 6,5: segna, stoppa, vince il duello con Jones (impresa non impossibile) e fa sentire la sua presenza con continuità. Ecco, continuità, quella che gli viene richiesta e quella che, quest'oggi, ha fatto vedere. 

Giuri 6: lucido quanto basta quando il gioco si fa duro. La sua presenza rassicura e mette ordine, anche quando si concede qualche leggerezza. Solido.

Nobile 6: salva la sua gara con una tripla pesante in un momento chiave dell'incontro e con la difesa, spesso attenta, non sempre.

Pellegrino 6: gioca poco ma mette il suo zampino in questa gara. Piccoli passi in avanti dopo qualche balzello all'indietro.

Italiano 5,5: buon avvio, non replicato nei minuti di gioco successivi. Non una bocciatura, anche perché ci sono comunque nove punti e tre assist a referto.

Amato 5,5: sicuramente la partita, per lui, era tra le più attese. Due punti e una prova opaca non bastano per onorare le aspettative.

All. Boniciolli 6,5: la risposta al "black-out" del secondo quarto è di quelle che a un allenatore piacciono, figurarsi ai tifosi. Anche lui si può godere un record molto buono e un Natale da seconda forza del girone.

Sezione: Pagelle / Data: Dom 20 dicembre 2020 alle 20:20
Autore: Francesco Paissan
Vedi letture
Print