Pierpaolo Marino ha ricordato Diego Armando Maradona ai microfoni di Udinese Tv.

< Diego ha avuto sempre la forza interiore, morale, capace di trascinare tutto e tutti. Ho vissuto con lui momenti indimenticabili, belli e brutti. L’ho visto piangere solo a Tolosa, in una serata in cui fummo eliminati dalla Coppa Uefa. Arrivammo ai rigori, con Bianchi stabilimmo la lista dei rigoristi e in fondo avevamo messo Bagni e Maradona (i nostri migliori rigoristi). Il Tolosa sbagliò il primo rigore ma alla fine sbagliammo i rigori finali con i nostri migliori rigoristi. Nello spogliatoio, a fine partita, l’ho visto piangere a dirotto con la testa fra le mani, è stato l’unico momento in cui ho visto piangere Diego. Quella partita però alla fine fu una fortuna, perché ci permise di concentraci sul campionato e sulla Coppa Italia, che abbiamo vinto. 

Diego era un paladino della gente, aveva colpi di genio non solo in campo con il pallone ma anche nel modo di comunicare con la gente. Sono stato al mondiale in Messico con lui. Uno dei giorni calcisticamente più belli della mia vita è stato il 29 giugno 1986, l’ho vissuto allo Stadio Azteca e ho toccato la Coppa del Mondo assieme a Diego. Ho vissuto i momenti più esaltanti della storia di Diego. Nello spogliatoio, dopo la partita contro la Germania, mi disse: “Basta direttore, ho vinto per il mio popolo ora si vincerà per i Napoletani” e fu di parola>>.

Sezione: Notizie / Data: Ven 27 novembre 2020 alle 09:50
Autore: Jessy Specogna
Vedi letture
Print