L'all star bianconero della Band: Ernesto Bozzo ci presenta un'Udinese ultra offensiva, con alcune tracce di lontano passato

08.10.2019 21:15 di Davide Marchiol   Vedi letture
L'all star bianconero della Band: Ernesto Bozzo ci presenta un'Udinese ultra offensiva, con alcune tracce di lontano passato

Tempo di sosta e quindi tempo di elucubrazioni sul calcio. Mentre tantissime piazze sono bollenti e pensano ad un cambio di allenatore, qua ad Udine si è relativamente sereni. Relativamente perchè comunque la classifica parla di sette punti in sette giornate, non un grandissimo bottino, ma abbastanza per lasciare Tudor sereno. Potremmo parlare come al solito di De Paul che deve fare lo step di qualità, della mancanza del gol di Lasagna, etc... per questa pausa però abbiamo deciso di inserire una piccola rubrica che ho ideato e spero vi piaccia. Come molti saprete ormai il lunedì mattina la trasmissione con Lorenzo Petiziol e la sua band è appuntamento fisso. Quindi perchè non andare più a fondo in quelle che sono le preferenze sull'Udinese di questa famigerata "band" che tanto ci fa ridere, discutere, piangere e sognare. Conosciamoli meglio, a partire dal sir Ernesto Bozzo, il più celere a mandarmi il suo undici storico bianconero, con alcune scelte un po' scontante, ma con altre che sono come lui: pazze e fuori dalle righe, ma con la giusta dose di follia.

Modulo: 3-4-1-2. In porta troviamo Giuliani, portiere degli anni '90-'93. Scelta interessante, visto che rappresenta forse un simbolo dell'Udinese della Serie B, con anche una presenza in Serie A. Difesa a tre spregiudicatissima, con Isla sulla destra, Cattaneo granitico al centro e Jankulovski sulla sinistra. Sarebbero capaci il ceco e il cileno di dare una mano concreta all'idolo italiano? Chi lo sa. Sulle fasce troviamo due pezzi di storia come il Barone Franco Causio e Gigi De Agostini, compagno di mille avventure in radio. In mezzo c'è la solidità di Inler e Asamoah, mentre davanti a loro c'è sua maestà Zico, pronto a dare spettacolo, assieme alla qualità di un altro idolo come Totò Di Natale e la solidità di una torre come Bierhoff. In panchina non poteva esserci che Zaccheroni, fautore della prima grande Udinese. Il ct Bozzo ha mandato tante stelle in panchina, forse a riflettere, o forse perchè non sono riuscite a fare breccia nel suo cuore come avrrebbe voluto.

Questo l'undici (3-4-1-2): Giuliani; Isla, Cattaneo, Jankulovski; Causio, Inler, Asamoah, De Agostini; Zico; Di Natale Bierhoff. Allenatore: Zaccheroni. A disposizione: Handanovic, Benatia, Sensini, Helveg, Mauro, Pinzi, Giannichedda, Basta, Pizarro, Sanchez, Amoroso, Iaquinta. Allenatore in seconda: Guidolin.