pordenone

Pordenone, Tesser: “Faccio fatica ad accettare questa sconfitta e questo passivo”

Il tecnico del Pordenone Attilio Tesser ha parlato così dopo la pesante sconfitta sul campo del Chievo. Un commento sulla gara. “Faccio fatica ad accettare questa sconfitta e questo passivo, meritavamo decisamente di...

Stefano Pontoni

Il tecnico del Pordenone Attilio Tesser ha parlato così dopo la pesante sconfitta sul campo del Chievo.

Un commento sulla gara.“Faccio fatica ad accettare questa sconfitta e questo passivo, meritavamo decisamente di più. Fino al primo gol c’è stata una sola squadra in campo e abbiamo avuto una doppia occasione con Morra e Zammarini. Siamo stati puniti subito al primo tiro. L’unico errore che abbiamo fatto è prendere quella ripartenza dopo il gol che ha indirizzato la partita. Nella ripresa abbiamo giocato in una metà campo e abbiamo preso un palo. Che non fosse serata si capisce dal loro terzo gol: anno tirato male due volte, la palla è andata sul secondo palo e hanno chiuso la partita. I ragazzi hanno dato tutto, paradossalmente oggi è stata la nostra miglior prestazione delle ultime quattro. Dobbiamo subito rialzarci: serve concentrazione, lavoro e fiducia”.

Avete delle assenze molto importanti."Dire che le assenze non contano è sbagliato, ma è altrettanto vero che non dobbiamo usarle come alibi. Purtroppo ne abbiamo tante, con 6/7 giocatori fuori. Questo ci impedisce di fare rotazioni e di esprimere tutto il nostro potenziale. Dobbiamo ripartire da quello che abbiamo fatto oggi, essendo più concreti sotto porta. Fino a poche settimane fa eravamo la seconda miglior difesa, ora subiamo sempre gol anche con pochi tiri. E' un momento un po' particolare: atvolta vinci anche quando non devi vincere, mente noi stiamo perdendo anche oltre i nostri demeriti".

Speri di recuperare qualcuno per Monza?"Musiolik dovrebbe recuperare, aveva solo un affaticamento. Spero di non perdere Ciurria, che ha preso un pestone sul dito".

Oggi Misuraca ha raggiunto le 150 partite con il Pordenone."Ha giocato da leader, non ha mai mollato. Volevo toglierlo per farlo recuperare: sta tirando veramente la carretta".