In conferenza, prima di partire per Udine, dove domenica la sua Atalanta affronterà i ragazzi di Guidolin, il tecnico nerazzurro Stefano Colantuono ha parlato in conferenza, soffermando la sua attenzione anche sugli errori arbitrali: "Ci vorrebbe maggiore attenzione da parte degli arbitri, lo chiedo con modi eleganti. Finora ho sempre fatto i complimenti ai direttori di gara e ai loro assistenti, però contro il Parma c'era un rigore netto per noi, che avrebbe potuto cambiare la partita. Nel computo delle decisioni arbitrali qualcosa indubbiamente ci manca. Alla fine magari sono pochi punti, pero' poi magari alla fine sono quelli che fanno la differenza. Capisco che sia difficile parlare di buona prestazione, dopo un 4-0 in casa, però secondo me è così. Sull'1-0 abbiamo giocato bene, sfiorando il pari, poi ci siamo fatti gol da soli e pochi minuti, quindi è arrivato il tris, senza nemmeno darci il tempo di reagire". A Udine il tecnico non cambiera' granchè: "Non avrebbe senso, andiamo avanti con il nostro modulo. Poi, magari modificheremo qualcosa in corsa". Su Cigarini: "Vedremo, puo' giocare oppure no. Come tutti. Del resto alla Juve va in panchina Marchisio, un nazionale. Quindi...". Su Denis, invece: "Non è in un gran momento, lo sa anche lui, ma resta il nostro attaccante più pericoloso, impossibile rinunciarvi". Sull'Udinese: "Stanno attraversando un buon momento - sostiene - dunque non sara' semplice. Ma noi dobbiamo assolutamente cominciare a far punti fuori casa".

Sezione: L'Avversario / Data: Ven 21 febbraio 2014 alle 17:00
Autore: Francesco Digilio / Twitter: @@FDigilio
vedi letture
Print