Mandragora alla Roma, l'accordo con la Juventus rende la trattativa quasi impossibile

16.06.2019 16:12 di Davide Marchiol   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Mandragora alla Roma, l'accordo con la Juventus rende la trattativa quasi impossibile

Nelle ultime ore sono usciti rumor sempre più forti riguardo un possibile interessamento della Roma nei confronti di Mandragora per sostiuire De Rossi. L'accordo tra Udinesee Juventus rende però l'afffare quasi impraticabile, rileggiamo l'accordo per il trasferimento in Friuli del ragazzo:

"Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver perfezionato l’accordo con la società Udinese Calcio S.p.A. per la cessione a titolo definitivo del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Rolando Mandragora per un corrispettivo di € 20 milioni pagabili in quattro esercizi".

"Il contratto prevede, inoltre, la facoltà per Juventus di esercitare, al termine della stagione sportiva 2019/2020, il diritto di opzione per riacquisire a titolo definitivo il diritto alle prestazioni sportive del medesimo calciatore a fronte di un corrispettivo di € 26 milioni, pagabili in due esercizi".

"Nel caso in cui l’Udinese Calcio trasferisse le prestazioni sportive del calciatore a titolo definitivo ad un altro club prima della scadenza di tale diritto d’opzione, la stessa dovrà riconoscere a Juventus un corrispettivo di € 200 mila ed un premio pari al 50% dell’eventuale differenza positiva tra il valore della cessione ed i € 20 milioni".

Quindi, l'Udinese per evitare una minusvalenza dovrebbe vendere il giocatore a più di 20 milioni, ma la metà dell'incasso andrebbe alla Juventus, il che sarebbe fortemente svantaggioso, visto che la Vecchia Signoria ha un diritto di riscatto da 24 milioni in questo giugno e da 26 alla fine della stagione 2019/2020. La soluzione ci sarebbe con il riscatto di Mandragora da parte dei piemontesi per i famosi 24 milioni, ma a quel punto la Roma per acquistare il ragazzo dovrebbe sborsare una cifra intorno ai 30 milioni per il ragazzo. Una cifra decisamente elevata, per un ragazzo che espresso sì buone qualità, ma giocando solo due stagioni in Serie A. Ora c'è l'Europeo U21, nel caso in cui l'ex Genoa dovesse stupire allora forse le cose potrebbero cambiare.