De Maio convince contro l'Inter, si aprono i ballottaggi

07.02.2020 19:50 di Davide Marchiol   Vedi letture
De Maio convince contro l'Inter, si aprono i ballottaggi

Insieme alla questione attacco, in casa Udinese tiene banco anche la questione retroguardia. Nuytinck ha smaltito rapidamente l'affaticamento muscolare pre Inter e infatti contro i nerazzurri è regolarmente sceso in campo. L'olandese, se non ci sono problemi, è il punto fisso della difesa di Gotti, con il tecnico che lo ha reso il vero leader della difesa. Gli altri due posti del terzetto sono inveci soggetti a variazioni e se ne è parlato anche nella conferenza stampa odierna.

Ekong non viene da prestazioni particolarmente convincenti. Il nigeriano era l'anno scorso il centrale più solido della retroguardia bianconera, in questa stagione invece l'ex Bursasport è parso molto meno roccioso, lasciano spesso spazio a errori, contro Sampdoria e Parma quelli più evidenti, con William che spesso ha arretrato anzichè aggredire il portatore di palla, fornendo un'opposizione morbida. Nella settimana pre Inter un piccolo problema fisico che ha fatto spazio a De Maio in posizione centrale. Il francese è tornato in campo dopo aver perso il posto in favore di Becao. Gotti però lo conosce molto bene, lo ha già avuto sotto gli occhi a Bologna e ha dichiarato di fidarsi molto di lui. Ecco perchè, dopo la buona prestazione di domenica, si fatica a immaginarlo nuovamente in panchina.

Il ballottaggio però si allarga ulteriormente. Anche Becao può finire in panchina, il brasiliano è tornato in campo per la sfida con il Sassuolo dopo diverse settimane passate in panchina a guardare. Tutto starà alle decisioni del tecnico. Prodl infatti sarà out per un po', De Maio ed Ekong si sfidano per un posto da centrale, dovesse spuntarla il nigeriano, l'ex Brescia può comunque giocarsi le sue chance a destra ritogliendo il posto a Rodrigo. L'ex CSKA è in crescita, ma non è stato esente da sbavature nelle ultime tre partite. Due maglie per tre persone, ci sono ottimi motivi per schierarli tutti. Al momento in vantaggio sembra esserci De Maio sugli altri due, ma in un giorno tutto può cambiare.