basket

La Delser pu? laurearsi campione d’inverno

La Delser pu? laurearsi campione d’inverno

Conquistata la sua prima, storica Final eight di coppa Italia di serie A2 femminile sbancando Moncalieri nel turno scorso prima della pausa natalizia, la Delser Crich Lbs Udine vuole regalarsi  il titolo di campione d'inverno nel girone...

Valerio Morelli

Conquistata la sua prima, storica Final eight di coppa Italia di serie A2 femminile sbancando Moncalieri nel turno scorso prima della pausa natalizia, la Delser Crich Lbs Udine vuole regalarsi  il titolo di campione d'inverno nel girone Nord della categoria battendo l'Edelweiss Albino (Bergamo) nell'ultimo giornata d'andata oggi, alle 18, al palasport Benedetti (arbitri il vicentino Filippo Castello di Schio e il padovano Stefano Gallo di Monselice, diretta streaming sulla pagina ufficiale Facebook della Libertas basket school). Siccome l'appetito vien mangiando, la capolista solitaria del presidente Leonardo De Biase, che fin qui ha prodotto dieci vittorie a fronte di una sola sconfitta a Crema ed è un serie positiva da otto giornate, vuole tagliare anche questo altro traguardo che le darebbe anche la certezza di incrociare da prima la quarta classificata del girone Sud di A2 nei quarti della Final eight di Coppa che potrebbe anche ospitare a Udine. La Lbs, infatti, si è messa in concorrenza con Selargius (Cagliari) a cui peraltro spetta la primogenitura per poter organizzare la fase finale della competizione che è in programma nella pausa primaverile del campionato, con la Libertas Basket school che ha chiesto di poterla allestire a fine prima fase nella settimana del primo maggio. Ciò perché ai successi colti sul parquet dalla squadra del confermato coach Alberto Matassini la società fondata sette anni fa da De Biase abbina una consolidata esperienza maturata sul campo nel rispetto dei protocolli anti-Covid e nella sanificazione delle palestre. Tanto che fungerà da modello assieme al consigliere delegato dalla Fip Friuli Venezia Giulia e presidente del Sistema Rosa Pordenone, Giovanni Battista Peresson, negli incontri d'inizio gennaio con le società regionali in vista dell'eventuale ripresa dell'attività territoriale sulla scia di serie A, A2 e B.

Tornando alla partita odierna, la Delser avrà di fronte un'avversaria che è nelle retrovie della graduatoria. Albino, infatti, viaggia con quattro vittorie e otto sconfitte a partite piene: dodici quelle sin qui disputate. E' una squadra dal gioco libero e dall'impronta giovanile, ma con tre punti di riferimento due dei quali già ben presenti nel basket femminile udinese. Coach Monica Stazzonelli schiera, infatti, giovani prospetti quali la 2001 Greta Laube play-guardia, la 2004 Chiara Rizzo guardia-ala e la 2002 Francesca Agazzi pure guardia-ala. Si affida, però, anche all'esperienza dell'ala-pivot Ieva Veinberga tiratrice lettone che, proveniente dal Ttt Riga, il suo primo anno in Italia l'ha giocato nel 2011-2012 proprio a Udine in A2, nell'allora Libertas Sporting club, segnando 12 punti e prendendo 7 rimbalzi a partita in 29 gare. Addirittura di scuola cestistica udinese, cominciando alla Cbu assieme al fratello, è l'altra ala-pivot del 1988 Patrizia De Gianni che ritorna sul parquet di casa dopo avervi giocato in A2 sia con lo Sporting dal 2010 al 2012 sia con la Lbs nel 2013-2014. A queste si aggiunge nella veste di leader anche Alice Carrara, sempre nel settore lunghe. Insomma, ci sarà un super lavoro sotto canestro per Elisa Pontoni, unico centro puro della Delser, supportata anche dall'ala-pivot Marta Scarsi e dalle loro giovani colleghe di reparto Eva Lizzi e Laura Medeot. Capitan Eva Da Pozzo e compagne, che si sono godute i tramezzini natalizi made in De Biase, vogliono però togliersi quest'altra soddisfazione guidate come sempre dal play-guardia americana di Pordenone, Antonia Peresson, e dall'ala slovena Tina Cvjanovic.

A proposito di quest'ultima, per lei è arrivata una nuova convocazione in nazionale da parte del direttore Matej Likar per altri due match di qualificazione agli Europei di Francia e Spagna 2021. Il raduno agli ordini del ct Damir Grgic è fissato per il 31 gennaio a Lubiana e durerà fino al 7 febbraio. Nel gruppo A, Tina e compagne saranno chiamate a difendere il primato nelle gare interne contro la Bulgaria, il 4 febbraio, e l'Islanda, il 6. La gara di campionato della Delser, valida per la quarta di ritorno, che era in programma a Vicenza per domenica 31 gennaio, alle 18, è stata così anticipata a sabato 30, alla stessa ora. Potrebbe essere anticipata al 16 o al 17 gennaio anche la partita interna con l'Alpo (Verona), quinta di ritorno che è in calendario per il 6 febbraio al Benedetti quando la Cvjanovic sarà in nazionale. In alternativa, c'è Carugate che si offre di giocare a Udine la prima di ritorno nello stesso fine settimana per non rimanere inattiva alla vigilia dello scontro salvezza a San Martino di Lupari. Prima e seconda di ritorno di A2 femminile, infatti, sono state spostate ad aprile in coda al campionato per consentire nei due prossimi week end recuperi di gare rinviate, soprattutto nel girone Sud. La stessa Delser, comunque, ne ha in programma uno: quello con Castelnuovo Scrivia in calendario sabato 9 gennaio, alle 19, al Benedetti.