Impresa storica dell'Udinese che sbanca San Siro e accede alla semifinale di Coppa Italia dove affronterà una tra Fiorentina e Siena. Una grande vittoria dei bianconeri che per almeno 70 minuti hanno dominato il Milan. I rossoneri sono partiti bene e subito passati in vantaggio con Balotelli. Ma vuoi per demeriti dei rossoneri o per i meriti dell'Udinese che ha alzato il ritmo del gioco, il Milan è pian piano sparito con i ragazzi di Guidolin che hanno preso in mano il match e giunti al pareggio con il rigore calciato da Muriel, dopo che Widmer con una grande discesa era stato affondato da Emanuelson. La ripresa è tutta dell'Udinese che più volte sfiora il raddoppio, fino a quando Nico Lopez non tira fuori dal cilindro un grandissimo colpo che regala vittoria e passaggio del turno alla squadra. 
Abbiamo rivisto l'Udinese che conosciamo, la vera Udinese ammirata contro l'Inter e poche altre volte in questa stagione. Un'annata altalenante fatta di prestazioni come quella di ieri e allo stesso tempo gare gettate al vento come accaduto con la Lazio per citare l'ultima in ordine cronologico. Una situazione con la quale l'Udinese dovrà probabilmente convivere per tutta la stagione, con la speranza che i ragazzi prima o poi trovino continuità nei risultati e nelle prestazioni. Abbiamo avuto la conferma che questa squadra può essere e avere le stesse certezze della scorsa stagione. Ora prosegue il sogno della Coppa Italia, di raggiungere la finale a Roma e alzare un trofeo che società e tifosi meritano ormai da tempo. Allo stesso tempo è necessario restare con i piedi per terra e rituffarci in campionato dove c'è una classifica preoccupante da risanare e al prossimo avversario il Parma che è nel momento migliore della stagione. 

Sezione: Primo Piano / Data: Gio 23 gennaio 2014 alle 08:30
Autore: Redazione TuttoUdinese
vedi letture
Print