basket

Big match per la Delser

Big match per la Delser

Akronos Pms Moncalieri-Delser Crich Lbs Udine è la partita di cartello in programma oggi, alle 18 (arbitri Emmylou Mura e Chiara Consonni), della penultima giornata d'andata nel girone Nord di serie A2 femminile di basket. Al...

Valerio Morelli

Akronos Pms Moncalieri-Delser Crich Lbs Udine è la partita di cartello in programma oggi, alle 18 (arbitri Emmylou Mura e Chiara Consonni), della penultima giornata d'andata nel girone Nord di serie A2 femminile di basket. Al palaEinaudi mette di fronte, infatti, la capolista friulana, che è in serie positiva da sette turni e ha un ruolino di nove vittorie e una sola sconfitta a Crema nel terzo turno, e la damigella d'onore piemontese, che è scesa dalla vetta perdendo per mezzo canestro il derby regionale con l'Autosped Castelnuovo Scrivia al supplementare. La squadra udinese di coach Alberto Matassini per difendere il primato che condivide con Vicenza vittoriosa ieri per 74-62 sull'Alpo (Verona) deve, però, riuscire nell'impresa di violare il parquet di Moncalieri imbattuto in stagione. Se capitan Eva Da Pozzo e compagne ce la faranno, ipotecheranno un traguardo storico per la società del presidente Leonardo De Biase, nata sette anni fa: la prima Final eight di coppa Italia della Libertas basket school, che sarà giocata dalle prime quattro squadre a fine andata del girone Nord di A2 donne incrociando le prime quattro del gruppo Sud in marzo durante una sosta di campionato. Altrimenti avranno a disposizione sabato 2 gennaio 2021 al Benedetti di Udine l'ultima d'andata con l'Edelweiss Albino, terzultima in classifica, o anche il recupero della settima giornata con Castelnuovo slittata a gennaio per centrare quella vittoria che secondo coach Matassini manca ancora per brindare alla qualificazione in Coppa. Un obiettivo che, però, in casa Delser si vuole coniugare con un costante progetto di crescita della squadra, riaffidata all'allenatore marchigiano dopo la sospensione a febbraio della stagione scorsa a causa della prima ondata di Covid-19

Il progetto è imperniato in quest'altra annata attorno all'americana di Pordenone il play-guardia Antonia Peresson e all'ala nazionale slovena Tina Cvijanovic, che fanno da guida a un gruppo di giovani di belle speranze in cui spicca da un paio di gare la 2004 azzurrabile Vittoria Blasigh specie dopo che Matassini aveva chiesto e ottenuto un maggiore contributo dalla panchina alla vigilia della trasferta a Sarcedo. In quella uscita l'aveva spalleggiata anche Anna Turel, figlia (di Davide e Paola Ferrara) e sorella (di Mirco) d'arte, la quale è al rientro dopo che le è stata risparmiata per precauzione la vittoriosa sfida interna con l'Alperia Bc Bolzano per un lieve risentimento muscolare. Recuperate anche la Cvijanovic che ha giocato infortunata a una mano già a Sarcedo, facendo “virgola” per la prima volta in stagione, e Vanessa Sturma, presente per onor firma contro le altoatesine, la Delser va a giocarsi a pieno titolo le sue carte a Moncalieri dove, come ammonisce la rientrante Turel, sono vietati blackout. L'Akronos di coach Paolo Terzolo, che ha accusato l'altro stop in campionato a Sarcedo per 82-74, è una squadra attrezzata che gioca di fisico e buona tecnica, con grande intensità e coralità. La play Erica Reggiani ha buoni trascorsi in A1 fra Schio, Lucca e Vigarano. La shoting guard Elisabetta Penz è una tiratrice mortifera. Una mano a fare canestro le danno la 2000 Samira Berrad e le più esperte Claire Giacomelli e Dalila Domizi, unica quasi trentenne del Moncalieri. Pane per i loro denti sotto canestro trovano Elisa Pontoni, il solo centro puro della Delser che sta tornando a pieno regime, e l'ala-pivot Marta Scarsi, che contro Bolzano si è fatta sentire anche in attacco. Devono vedersela con l'atletica Lydie Katshitshi, congolese di nascita e italiana di formazione, e con la stazza di Clara Salvini e Ilenia Cordola.

Messa in archivio questa trasferta le ragazze udinesi avranno un fine settimana di sosta del campionato, quello di sabato 26 e domenica 27 dicembre prossimi, e riprenderanno a giocare nel primo week end dell'anno nuovo come detto. E' anche per questo che oggi vogliono chiudere bene il 2020 per passare il Natale in vetta e magari brindare in Coppa già prima di capodanno.