"Pordenone fatto in casa", titola la rosea in edicola oggi. "Sul modello del Bilbao, il club esalta il Triveneto". Da Tesser al leader Stefani: è forte il Dna del territorio. Matteo Lovisa (direttore area tecnica): 'Una marcia in più'".   

All'interno: "Guardare al di fuori dei propri confini senza perdere la propria territorialità: in questo modo il Pordenone ha costruito la sua squadra, puntando su 12 calciatori (su 26) del Triveneto e rinnovando la fiducia allo staff tecnico-sanitario interamente del Nord-Est. Neroverdi glocal, sognando un modello Athletic Bilbao. Per quanto il sodalizio basco ruoti attorno a dinamiche storico-culturali diverse e imparagonabili a qualsiasi altra realtà, è da sottolineare la filosofia dei friulani, che vogliono rimanere ai vertici della Serie B dopo la semifinale playoff dello scorso campionato, puntando sulla forza dei talenti locali...". 

Sezione: Pordenone / Data: Dom 11 ottobre 2020 alle 11:06
Autore: Jessy Specogna
Vedi letture
Print