Errori, imprecisioni e qualche spreco di troppo puniscono l'Inter che a Udine non soffre quasi mai ma non riesce a sbloccare la partita, che termina a reti inviolate e consegna ai nerazzurri un solo punto, insufficiente ad agganciare la vetta della classifica

Handanovic 6 - Spettatore non pagante per l'intera partita. L'Udinese crea qualcosa, ma non centra praticamente mai la porta.

Skriniar 6 - Un paio di buone chiusure nel primo tempo, nessun rischio dietro e qualche imbucata per Lukaku. Sufficiente.

De Vrij 6 - Guida la difesa senza affanni e tiene bene anche nei (pochi) duelli in velocità con Lasagna.

Bastoni 5,5 - Pronti-via, subito una leggerezza che quasi manda in rete Lasagna. Ma si riprende in fretta e comincia a chiudere coi tempi e la personalità giusti. 

Hakimi 5,5 - Dovrebbe essere in fiducia, visto il gran momento, invece per troppe volte commette un errore tecnico non da lui. L'Inter sfonda di più dal suo lato grazie alle sue accelerazioni, ma se il piede non è caldo e la testa non è (stranamente) sgombra come al solito capita che pensi troppo alle giocate e finisci per sbagliare la scelta. Impreciso.

Barella 6 - Generoso, qualitativo e con una personalità tale da prendersi sempre la responsabilità di fare giocate non banali.

Brozovic 6,5 - Ogni volta che riceve palla ha due avversari addosso, ma si districa sempre bene. Fondamentale anche nelle chiusure, nella ripresa prova ad avanzare la sua posizione per creare pericoli all'Udinese, senza grande successo.

Vidal 4,5 - Poco lucido già nei primi minuti, imbolsito dopo meno di un tempo. Non entra mai in partita e quand'è così all'Inter serve poco o nulla. Esce dopo 70 minuti visibilmente nervoso. (Dal 71' Sensi 5,5 - Tocca tanti palloni, ma non sempre prende la giusta decisione. Eppure che con lui ci sia più qualità è tanto evidente).

Young 5 - Non è nel vivo del match, forse questo gli costa qualche sbaglio di troppo quando entra in possesso palla. Spinge poco e gioca al di sotto delle sue possibilità. (Dal 71' Perisic 5 - Venti minuti in campo in cui praticamente non tocca palla. Non pervenuto).

Lautaro Martinez 5 - Ha una grandissima chance a metà primo tempo, ma si fa ipnotizzare da Musso a tu per tu. Poi quasi scompare. Quando si rivede, è per un dribbling malriuscito o un controllo mancato. Impalpabile. (Dal 71' Sanchez 6 - Entra bene, regala un paio di palloni interessanti. In venti minuti fa meglio del suo predecessore).

Lukaku 5 - La palla in verticale su di lui è un cavallo di battaglia dell'Inter, ma se il belga non riesce a tenerla nello stretto è un problema. Sbaglia più di uno stop, senza incidere mai. Evanescente.

Antonio Conte 5 - La preparazione della partita segue la falsariga di Inter-Juventus, con la differenza che la squadra di Gotti resta molto più chiusa, la palla in verticale su Lukaku non può dare i suoi frutti senza spazi e Vidal non gira come sei giorni fa. L'Inter, dunque, fa fatica ad arrivare con qualità nell'area avversaria. Eppure per i primi cambi bisogna aspettare che il cronometro segni -20 alla fine. Troppi tatticismi, contro quest'Udinese serviva una squadra più arrembante.

Sezione: L'Avversario / Data: Sab 23 gennaio 2021 alle 21:00
Autore: Stefano Pontoni / Twitter: @PontoniStefano
Vedi letture
Print