La Gesteco Ueb Cividale, reduce dal primo tris di vittorie di fila, va all'assalto della vetta nella terzultima di ritorno del girone C1 di serie B oggi, alle 18 (arbitri i torinesi Alex Naftali di Pecetto e Stefano De Bernardi; diretta streaming su Lnp Pass per abbonati), a Vicenza ospite della capolista Tramarossa. Intanto, ringrazia i cugini della Pontoni Falconstar che ieri, a Monfalcone, nell'anticipo hanno battuto 79-74 la Belcorvo Rucker San Vendemiano appaiata ai ducali a 2 punti dalla vetta.

LA GESTECO ALL'ASSALTO DELLA VETTA E DELLA COPPA

La squadra di coach Stefano Pillastrini, che cresce passo passo, ha dato una svolta al suo sottogirone C1 vincendo la prima gara in trasferta due sabati fa a Monfalcone nel derby del Friuli Venezia Giulia. Oggi – non si nasconde il presidente dell'Ueb, Davide Micalich –  può far impennare le quotazioni della Gesteco. Vincendo a Vicenza, già battuta all'andata al palaPerusini infliggendo il primo dispiacere ai berici per 75-70, capitan Giovanni Fattori e compagni salirebbero in vetta dove mancano dalla prima d'andata dopo il successo al via su Senigallia. Salirvi oggi sarebbe molto più significativo, perché i ducali sarebbero primi grazie al 2-0 nei confronti diretti con la rivale di coach Cesare Cioccia. E anche grazie alla differenza canestri favorevole (+10) rispetto all'Antenore Virtus Padova, vittoriosa 75-67 all'andata a Rubano e battuta 81-63 nel ritorno a Cividale. Patavini che sono gli unici a poter tenere il passo dei friulani sempre che oggi vincano con Senigallia. Se no sprecherebbero l'occasione, com'è già capitato ieri sera in “bisiacheria” alla Rucker. Il primo posto a fine girone C1, tra l'altro, darà diritto a disputare dal 2 al 4 aprile prossimi, come per l'A2, la Final eight di coppa Italia di categoria a cui accederanno le prime classificate di ogni sottogirone di B.

Tempo al tempo, comunque, per la Gesteco oggi a Vicenza è da superare quest'altro esame trasferta per dare continuità al primo blitz a Monfalcone e alla serie di tre successi cominciata con la Virtus Padova, allora co-capolista, e ancora aperta dopo l'ultimo sulla Vega Mestre. Sarebbe una bella prova di maturità per i ragazzi di Pillastrini, che hanno saputo riciclarsi in corso d'opera per ben due volte: la prima dopo l'infortunio alla seconda di campionato a Rubano che ha tolto di mezzo il centrone Alessandro Vigori, la seconda dopo il divorzio consensuale con il neopapà Riccardo Truccolo, guardia uscita dalle rotazioni nel derby a Monfalcone. Passando anche per il caso Covid dell'ala Gabriele Miani all'anti-vigilia dell'ospitata dell'Antenore, che non ha impedito ai ducali di farle lo scalpo. Il “Pilla” si ritrova ora con un settebello a disposizione, a cui è arrivato per successivi aggiustamenti: il quintetto con doppio play Eugenio Rota e Alessandro Cassese, guardia tiratrice Adrian Chiera, ali Leonardo Battistini top scorer e Miani più in uscita dalla panchina Fattori che cambia i lunghi e Norman Hassan per gli esterni. Poi ha un quintetto di belle speranze, mai così tanto impiegato come contro Mestre: il play Matteo Minisini, l'ala Pietro Agostini e il 2004 Enrico Micalich figlio d'arte come il debuttante Mattia Gattolini, con il centro Daniel Ohenhen cambio della prima ora dei lunghi ancora parcheggiato in panchina per l'infiammazione a una spalla e tornato a disposizione per la gara di oggi dopo una settimana di allenamenti. Tutti under, ma lo sono in quintetto base anche Rota faro della squadra e l'emergente Miani già in A2 a Montegranaro.

Così la Gesteco si presenta oggi a Vicenza contro la squadra di Ciocca, forte tra gli altri della guardia triestina Stefano Cernivani e della guardia-ala lignanese Raphael Chiti. L'Ueb è apprezzata dai berici perché con 80 punti a partita ha il migliore attacco del girone, con alte percentuali al tiro da tre: 38%. In difesa ne concede meno di 75 a gara e, con 40 rimbalzi presi di media e meno di 34 lasciati agli avversari, ha il migliore differenziale sotto canestro. Ciò non toglie che i ducali, stando all'andata, dovranno guardarsi in particolare dal fromboliere Shaquille Hidalgo, dal centro Diego Corral e dall'ala Nicola Bastone oltre che dalle alchimie tattiche di coach Ciocca, ex Pordenone.

LA PONTONI REGALA LO SCALPO DI SAN VENDEMIANO

La Falconstar di coach Matteo Praticò, intanto, nell'anticipo di ieri si è rimessa in moto dopo le sconfitte nel derby e a Senigallia superando per 79-74 (12-18, 32-37, 48-57) San Vendemiano, grazie a un 31-17 nell'ultimo quarto, e ne ha servito lo scalpo alla Gesteco. L'impresa è riuscita ai cantierini grazie a 19 punti dell'ala Giulio Casagrande, 16 della guardia Marco Murabito e 11 del lungo Marko Milisavliejc, nonostante fossero privi del centro totem Devil Medizza. Sul fronte opposto non sono bastati i 22 della guardia-ala Patrizio Verri, il ventello del play Andrea Tassinari e i 17 di Tommaso Gatto, fratello d'arte scavigliatosi a gara in corso, mentre erano in panchina per onor di firma la guardia-ala Giacomo Siberna e l'ala-centro Dorde Malbasa

Sezione: Basket / Data: Dom 21 febbraio 2021 alle 09:52
Autore: Valerio Morelli
Vedi letture
Print