UDINE - Di Natale show al Friuli. Tre squilli del bomber bianconero, capitano sempreverde, regalano all'Udinese un pareggio scintillante con la Sampdoria di Mihajlovic nell'anticipo dell'ultima di campionato. Finisce 3 a 3 tra due squadre che non avevano praticamente più nulla da chiedere alla loro stagione. Corre, serve assist, segna. E non mostra alcun segno di stanchezza. A dispetto dei 36 anni riportati sulla carta d'identità, è Di Natale l'uomo più in forma dei bianconeri. È quasi fantascientifico pensare possa smettere al termine di questa stagione. C'è da scommettere che faccia un pensierino all'idea di giocare un'altra annata, almeno per tagliare il record delle 200 reti in serie A. Traguardo da cui lo separano solo altri sette gol, dopo i tre messi a segno questa sera che lo fanno salire a quota 193. Con l'Udinese sotto di un gol, il colpo di testa di Okaka, servito al centro dell'area da un cross perfetto di Gabbiadini, Di Natale prende per mano la sua squadra e rovescia il risultato portando l'Udinese al riposo con un gol di vantaggio. Al quarto d'ora Fiorillo salva la sua porta con un intervento istintivo sulla conclusione di Di Natale, lanciato a rete con una profonda verticalizzazione. Ma al 27' non può far altro che rimanere immobile a guardare la punizione a scavalcare la barriera di Di Natale che si infila appena sotto la traversa. La rimonta è servita 5' dopo, con Pereyra che approfitta delle incertezze della difesa blucerchiata e serve al centro un cross che Di Natale deve solo spingere in rete. Il numero 10 bianconero sfiora la tripletta almeno altre due volte prima del riposo. Al 40' ancora con una verticalizzazione che gli apre una prateria nella difesa blucerchiata, ma Fiorillo prima e il palo dopo gli negano un'altra esultanza. Al 43' sfiora la parte alta della traversa, ancora su punizione. Il risultato si rovescia per la seconda volta, a favore della Sampdoria, in avvio di ripresa, con un uno-due micidiale nell'arco di 2'. All'8' Eder acciuffa il pari, servito da un assist rasoterra sul filo del fuorigioco. Al 10' Soriano riceve un suggerimento di Okaka, aggira Brkic e fa partire un sinistro a porta vuota che vale il sorpasso. Difesa e portiere friulani, non impeccabili in nessuna delle due occasioni, devono fare mea culpa. A rimettere in equilibrio la gara ed evitare la sconfitta ci pensa ancora Di Natale, allo scadere, "servito" da un passaggio indietro sciagurato di Wszolek. Il bomber si aggiusta il pallone di testa e infila Fiorillo per la tripletta personale.

Sezione: Notizie / Data: Dom 18 maggio 2014 alle 09:20
Autore: Stefano Bentivogli / Twitter: @Sbentivogli10
vedi letture
Print