Serie A, Lazio a valanga: con la Samp finisce 5-1. Tripletta di immobile

18.01.2020 18:53 di Stefano Pontoni Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Serie A, Lazio a valanga: con la Samp finisce 5-1. Tripletta di immobile

Altra vittoria, la undicesima consecutiva, per la Lazio di Simone Inzaghi che contro la Samp ci ha messo soltanto 20 minuti per chiudere il discorso. Con questo successo i biancocelesti si sono portati momentaneamente a -3 dalla Juventus capolista e a -1 dall'Inter, con la gara contro il Verona da recuperare.

PRIMO TEMPO - Dopo appena sei minuti il vantaggio di Caicedo che si è fatto trovare pronto dopo che Audero aveva respinto un tiro di Immobile. Proprio l'attaccante italiano, nel giro di 3 minuti, dal diciassettesimo al ventesimo, ha poi chiuso la pratica, realizzando prima un calcio di rigore fischiato per fallo di mano di Murru su cross di Lazzari, e segnando poi la rete del 3-0 dopo aver saltato Audero su perfetto assist dalle retrovie di Acerbi.

SUBITO IL POKER - Dopo nove minuti della ripresa è pooi arrivato anche il gol del 4-0 con Bastos che ha sfruttato al meglio un assist di Leiva battendo Audero per la quarta volta. Il difensore aveva preso il posto di Radu, infortunato, poco prima, mentre dopo l'intervallo Ranieri aveva deciso di lasciare nello spogliatoio Jankto puntando su Ekdal. Al 58' secondo cambio per Inzaghi: fuori Caicedo e dentro Adekanye. Lazio ancora pericolosa al 59' con Luis Alberto ma la Samp di è salvata in calcio d'angolo sul tiro dello spagnolo da dentro l'area di rigore.

TRIPLETTA IMMOBILE - Al 65' pokerissimo dei biancocelesti e tripletta per Ciro Immobile, con Chiffi che dopo aver consultato il VAR ha assegnato il secondo penalty del pomeriggio ai capitolini per un fallo di mano di Colley su tiro di Luis Alberto. 

ACCORCIA LA SAMP - Gol della bandiera per la Sampdoria al settantesimo minuto con Linetty che ha siglato la rete del 5-1 ribadendo in rete una respinta di Strakosha su tiro di Gabbiadini. Neanche il tempo di esultate che i blucerchiati sono però rimasti in 10 per l'espulsione, giustissima, di Chabot per fallo da ultimo uomo su Adekanye lanciato a rete. Nel finale niente da segnalare, con la Lazio che ha gestito il risultato.