Spal-Udinese 0-3, LE PAGELLE DEGLI AVVERSARI: ancora troppi errori individuali, attacco nullo

09.07.2020 21:52 di Stefano Pontoni Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Spal-Udinese 0-3, LE PAGELLE DEGLI AVVERSARI: ancora troppi errori individuali, attacco nullo

La Spal all'ultima spiaggia viene surclassata dall'Udinese. Gli uomini di Di Biagio non riescono ad opporre resistenza ai bianconeri e si rassegnano ad una sorte che pare essere ormai scritta.

Letica 5 - Non arriva sulla conclusione potente ma centrale di De Paul. Viene beffato da Okaka e nel finale si fa superare anche da Lasagna. Serata no per il portiere della SPAL. 

Sala 5,5 - Tanta corsa sulla fascia, ma spesso corre a vuoto. 

Vicari 5 - Tanti, troppi errori in difesa. Una prestazione decisamente negativa per il centrale estense.

Bonifazi 5 - Ancora un errore individuale che costa caro alla SPAL. Rinvio pessimo che finisce sui piedi di De Paul. L'argentino ringrazia e trova la rete. 

Felipe 5,5 - Nel primo tempo è fra i migliori dei suoi: difende bene e arriva anche al cross. Cala nettamente nella ripresa. 

Murgia 5 - Si fa vedere solo con due conclusioni dalla distanza, lontane dallo specchio della porta. (Dal 63' Strefezza 6 - Porta un po' di vivacità all'attacco della SPAL. )

Valdifiori 5,5 - Dovrebbe impostare il gioco della SPAL, ma è costretto quasi sempre ad inseguire i centrocampisti della SPAL.

Missiroli 5 - Partita incolore in mezzo al campo. La classifica, a livello mentale, si fa sentire. (Dal 46' Dabo 5,5 - Porta maggiore fisicità al centrocampo della SPAL.)

D'Alessandro 5,5 - Una conclusione dal termine del primo tempo: è l'unico squillo della gara. (Dal 72' Floccari S.V) 

Castro 5,5 - Torna titolare, ma non riesce a dare il contributo che mister Di Biagio si sarebbe aspettato. (Dal 72' Reca S.V)

Petagna 5,5 - Lotta e si impegna, ma se non arrivano palloni giocabili diventa difficile anche per lui inventare qualcosa. (Dall'84' Cerri S.V)

Luigi Di Biagio 5,5 - Nel primo tempo l'Udinese domina dal punto di vista fisico. Corre ai ripari inserendo Dabo nella ripresa, ma il risultato era già compromesso. Gli errori individuali sono tanti, troppi, un tecnico difficilmente può incidere da questo punto di vista. La serie B si avvicina e nella testa dei giocatori c'è già lo spettro della retrocessione.