È stato presentato questa mattina nella sede di Gruppo Servizi Associati a Tavagnacco (in provincia di Udine) uno dei volti nuovi più attesi dell’Apu Old Wild West Udine: Dominique Johnson.

Il profilo della guardia USA classe ’87 è stato tratteggiato dal Direttore tecnico dell’Area sportiva Alberto Martelossi: “Dominique ha esattamente le caratteristiche che cercavamo, ovvero ha qualità balistiche per poter essere uno dei primari terminali della nostra squadra e, soprattutto, è un giocatore che è cresciuto di anno in anno. Dopo la formazione negli Stati Uniti, poi ha iniziato una carriera in Europa “scavandosi” gli spazi in Paesi non di prima importanza. Poi piano piano è riuscito ad arrivare ai massimi livelli, espressi proprio negli ultimi anni nel massimo campionato italiano, come dimostrato dalla vittoria della Fiba Cup a Venezia o dalla straordinaria stagione a Varese. Poi ci sono stati due campionati non ai suoi standard, proprio per tale motivo, questa può essere una stagione importantissima per lui”.

Le prime parole di Dominique in bianconero sono di ringraziamento per l’accoglienza ricevuta dall’Apu OWW Udine: “Il mio arrivo a Udine è stato meraviglioso, sono stato sono stato accolto molto bene dal team, dai responsabili tecnici, da tutti. Il mio arrivo è stato un po’ condizionato dal Coronavirus e da ciò che sta accadendo in tutto il mondo attualmente. Però sono molto contento di essere qui, aggiungerò questa esperienza friulana alla mia carriera. Ho già avuto modo di conoscere in questi primi giorni i miei compagni di squadra, stiamo lavorando bene, stiamo andando nella giusta direzione”.

Poi si presenta così: “Sono qui per portare nella squadra la mia capacità balistica e la mia leadership, questo è quello che mi è stato chiesto. Metterò in campo tutta la mia energia e il mio impegno, chiedo ai tifosi di seguirmi in attesa della riapertura dei palazzetti, che speriamo avvenga presto”.

Sui motivi che l’abbiano spinto ad accettare la chiamata dell’Apu Udine, DJ risponde così: “È stata una proposta interessante per me. Innanzitutto il mese scorso è nata mia figlia, quindi adesso una delle mie priorità è che la mia famiglia si trovi a proprio agio, questo mi aiuta a esprimermi al meglio. Poi non conta che si tratti di A1 o A2, per me ciò conta è competere per vincere il campionato”.

Sezione: Basket / Data: Ven 11 settembre 2020 alle 19:23
Autore: Stefano Pontoni / Twitter: @PontoniStefano
Vedi letture
Print