Un trittico da non sbagliare

17.09.2019 12:15 di Stefano Pontoni Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Un trittico da non sbagliare

Dopo tre punti nelle prime tre giornate, l'Udinese è chiamata già a muovere la classifica. Un trittico, in una settimana, che per i bianconeri sembra essere già decisivo. Nell'ordine il Brescia sabato al Friuli, l'infrasettimanale martedì contro l'Hellas e infine, di nuovo in casa, la sfida al Bologna. Tre sfide dove sarà indispensabile mettere fieno in cascina. Le prestazioni sono buone ma purtroppo da sole non bastano, soprattutto se l'obiettivo è una salvezza più tranquilla rispetto alle ultime stagioni.

Lo sa benissimo anche Tudor, ancora in luna di miele con tifosi e società dopo il buon finale di campionato e la vittoria contro il Milan all'esordio ma consapevole che il calcio d'oggi non fa sconti a nessuno. Senza punti anche il buon Igor potrebbe ritrovarsi in situazione assai scomoda. 

Si parte con il Brescia, senza Balotelli ma con un Donnarumma in gran spolvero. Partita senza se e senza ma, da vincere a tutti i costi. Non si potranno ripetere gli errori del 3 a 1 contro i ducali. Le rondinelle non avranno Gervinho ma sono una squadra tosta, come hanno fatto ben intendere in questo inizio. Vittoria all'esordio, prestazione buona a San Siro contro il Milan e pirotecnico 3-4 casalingo contro il Bologna, un suicidio sportivo che ascia però trasparire qualche limite in difesa. E' soprattutto sui calci piazzati che gli uomini di Corini soffrono tremendamente.

Tutto altro che squadra materasso l'Hellas Verona. Il match con il Milan, perso per un paio di episodi sfavorevoli, dice che gli scaligeri possono lottare concretamente per la salvezza. Dimenticatevi l'armata brancaleone di due stagioni fa, martedì prossimo al Bentegodi ci sarà da soffrire. Trasferta ostica dalla quale si potrebbe anche essere contenti di uscire con un punto. 

Infine il Bologna. I rossoblù quest'anno, motivati dalla grinta incredibile di Mihajlovic, stanno dando qualcosa in più. Tutti uniti per il mistrer, battaglieri fino all'ultimo minuto. La vittoria in rimonta nell'ultima giornata ci fa capire che i falsinei non molleranno. E poi c'è la crescita straripante di Orsolini, giocatore che quest'anno può davvero fare il salto di qualità.

Tre partite, per il sottoscritto 7 punti. L'Udinese ce la può fare, perché nonostante la saccoccia sia più vuota di quanto si meritasse, c'è fiducia.