Il punto conquistato contro il Pescara non porta allegria in casa neroverde, viste le molte assenze e i grossi deficit di gioco che stanno martoriando il team di Tesser ormai da sei partite. Il divario con la capolista Empoli, in termini di punti e di stato di salute, è altissimo e la partita di oggi per i ramarri si prospetta dunque come una montagna da scalare. C’è solo da sperare in un moto d’orgoglio da parte di chi scenderà in campo, a dimostrare che il Pordenone non si è completamente perso ed è capace di ripartire, ma si tratta di speranza ormai flebile visto che l’ultima reazione di questo tipo si è avuta più di un mese fa contro la SPAL. In ogni caso sarà inevitabile continuare a guardarsi alle spalle dato che il vantaggio sulla zona playout rimane risicato.

Probabili formazioni: come detto, molte assenze tra le fila neroverdi. In difesa ancora fuori Berra, oltre allo squalificato e infortunato Vogliacco, non al meglio nemmeno Barison, costretto a uscire anzitempo nello scorso match. Molto probabile l’utilizzo di Stefani dal primo minuto e l’arretramento di Magnino, con Zammarini sulla fascia.  In mediana dovrebbe essere tornato il momento di Calò, vista anche la squalifica di Misuraca, l’attacco è pressoché obbligato dato che mancherà Morra: ci sarà dunque Musiolik di fianco a Ciurria.

Questi dunque i due possibili schieramenti:

Empoli (4-3-1-2): Brignoli; Fiamozzi, Casale, Romagnoli; Parisi; Zurkowski, Stulac, Haas; Bajrami; Matos, Mancuso

Pordenone (4-3-1-2): Perisan; Magnino, Camporese, Stefani, Falasco; Zammarini, Calò, Scavone; Biondi; Ciurria, Musiolik

Sezione: Pordenone / Data: Mar 16 marzo 2021 alle 09:30
Autore: Alessandro Poli
Vedi letture
Print