Stagio sfortunata per Fernando Forestieri. L'argentino, che è rimasto a lungo fuori per infortunio, vuole riprendersi l'Udinese in questo finale di stagione: "Una volta guarito mi sono allenato duramente proprio per poter dare una mano alla squadra nella volata finale. Ultimamente ho avuto un po' di spazio contro il Cagliari e speravo di averne anche a Benevento, nel turno successivo, perché è importante giocare con continuità. Invece sono rimasto in panchina. Fa niente, l'Udinese ha vinto e ciò che conta è soltanto il fatto che io abbia continuato a lavorare duramente. Credo di essere migliorato, ecco perché pongo anche la mia candidatura per le prossime gare" - ha spiegato a ll Gazzettino - "Ci manca un punto per essere in salvo, per cui questo è l'obiettivo che cercheremo di centrare subito, a ogni costo, possibilmente conquistando l'intera posta in palio. Poi vedremo se sarà possibile fare di più, concludere nei primi dieci posti. Ma in questo momento, lo ripeto, il traguardo minimo-massimo è rappresentato dalla permanenza in A".

El Topa ha parlato inoltre del suo futuro: "Il massimo impegno io lo garantisco a prescindere. Non mi sono mai tirato indietro, ho dato sempre tutto e lo farò anche con il Bologna, sempre che abbia spazio, nonché nelle successive tre gare. Ma credo di poter dire che tutti noi siamo vogliosi di finire bene la stagione. Per quanto concerne l'eventuale rinnovo del contratto, non dipende solo da me, ma anche dalla società e pure dal tecnico. Vedremo. Futuro all'Udinese? Mi piace la città di Udine e mi piace l'Udinese. Pure la mia famiglia, mia moglie e i due figli, sono contenti e vorrebbero rimanere ancora in Friuli. Ma prima c'è il Bologna: meglio concentrarci su questo impegno, per il resto ci sarà tempo e modo per riparlare del mio futuro".

Sezione: Notizie / Data: Ven 07 maggio 2021 alle 13:17
Autore: Stefano Pontoni / Twitter: @PontoniStefano
Vedi letture
Print