A quanto pare, dopo l'ultima gara di campionato contro la Sampdoria, l'Udinese darà il via ad un'autentica rivoluzione. I Pozzo, rimasti delusi da una stagione con più ombre che luci, hanno preso la decisione di dare un taglio netto, cambiando moltissimo e rifondado la squadra da capo a piedi. I dirigenti friulani stanno quindi preparando un autentico ribaltone di mercato ed in otto sarebbero già con le valigie in mano. Tra i pali lascerà certamente Brkic, in scandenza a giugno. Il serbo, dopo essere stato retrocesso al ruolo di vice Scuffet, non ha intenzione di restare ad Udine e vuole trasferirsi in una squadra che gli dia fiducia. Per lui si è parlato di Sampdoria, Fiorentina o di estero, Germania su tutte. Partirà anche il croato Kelava, arrivato a Udine per essere il titolare del futuro, forse destinazione Watford. In difesa invece lascerà il brasiliano Naldo, giunto in estate per diventare un caposaldo della retroguardia ha deluso in svariate occasioni le aspettive, mal adattandosi al modo di difendere italiano. Partirà poi anche Dusan Basta. Il serbo dopo molte stagioni in Friuli non ha più la motivazione necessaria per restare ancora ed alla solgia dei trent'anni vorrebbe un'ultima occasione di giocare in una grande. Per lui si era parlato di Inter ma ad oggi tutto tace. Non verrà invece riscatto Lazzari, altra autentica delusione di quest'anno. A causa soprattuto di infortuni e di una forma mai trovata non ha mai brillato. Per il regista si era parlato di un ritorno nella squadra che lo aveva cresciuto, l'Atalanta. Via anche Yebda, arrivato in prestito a gennaio e che molto probabilmente rientrerà al Granda. Davanti invece diranno addio Maicosuel, destinato ad un rientro in Brasile, e Zielinski. Il polacco dovrebbe essere girato in prestito in un club che gli permetta di giocare e di crescere. Il Torino nei mesi scorsi si era fortemente interessato

Sezione: Calciomercato / Data: Gio 15 maggio 2014 alle 09:00
Autore: Stefano Pontoni
vedi letture
Print