Giunte all'apparente giro di boa della seconda fase, nella prima di ritorno i destini delle squadre targate Fvg s'incrociano di nuovo. Oggi, alle 19.30 (arbitri il reggiano Andrea Cassinadri di Bibbiano e il ravennate Mattia Foschini di Russi; diretta tv su Telefriuli e streaming su Lnp Pass per abbonati), la capolista Gesteco Ueb Cividale al palaPerusini inviolato in campionato ospita la Sutor Montegranaro, piazza espugnata nel turno scorso per 59-68 dalla Pontoni Falconstar Monfalcone. In contemporanea (arbitri i romani Davide Mario Silvio Quadrelli e Giacomo Fabbri, diretta streaming su Lnp Pass per abbonati) i cantierini ricevono la Ristopro Janus basket Fabriano, che tallona a 2 punti i ducali rispetto ai quali ha disputato due partite in meno. Ne roderanno la ripresa in campionato dov'è ferma dal 24 marzo scorso, avendo saltato il derby marchigiano a Senigallia e l'ospitata di Vicenza, e ha anche rinunciato alla Final eight di coppa Italia a causa di casi Covid, rimpiazzata da Roseto. In quest'anomala prima di ritorno, perché in realtà sono tutte gare di sola andata per ogni squadra del sottogirone C1 contro tutte quelle del C2 e viceversa portandosi dietro i punti fatti nella prima fase, i bisiachi tornano a fare da apripista per i friulani contro gli avversari che questi ultimi affronteranno nel turno successivo. E magari stavolta all'Ueb sperano anche in una bella mano da parte della squadra di coach Matteo Praticò, risollevatasi dalla zona play-out e ormai prima riserva in quella play-off, per tenere la damigella d'onore a debita distanza in classifica. Invece, con un comunicato pubblicato da Lega nazionale pallacanestro sabato 17 aprile alle 13.50, la Ristopro Janus Fabriano ha comunicato "che, per ovvi motivi dovuti alle positività al Covid-19 del gruppo squadra e dello staff, la partita in programma per il 17 Aprile contro Monfalcone è rinviata a data da destinarsi". In odore di rinvio, si presume quindi, è anche la trasferta di mercoledì della Gesteco a Fabriano stessa. Questi sono gli incerti del mestiere nella stagione agonistica tribolata del Covid.

GESTECO-MONTEGRANARO, PILLASTRINI SFIDA IL PASSATO

Contro la Sutor il coach ducale Stefano Pillastrini sfida il suo passato. Tra il 2003 e il 2007 a Montegranaro, sùbito dopo la sua mezza stagione alla Snaidero Udine in A1, ha centrato un doppio salto dalla B alla massima serie grazie a una squadra in cui ha allevato gli allora emergenti Luca Vitali, Giuliano Maresca e Valerio Amoroso, quest'ultimo appena affrontato da avversario domenica scorsa a Roseto. Il “Pilla” per questo è stato nominato cittadino onorario di Montegranaro e oggi, dunque, sfida il suo passato. Sutor che, comunque, ha ben presente tanto che per evitare distrazioni sulla via dell'undicesima vittoria di fila invita i suoi a ricordarsi che i marchigiani nella prima fase sono stati capaci di vincere sia a Fabriano sia a Roseto, prima e seconda forza del loro sottogirone C2.  E' anche vero, però, che una settimana fa il club veregrensee ha risolto in modo consensuale il rapporto con capitan Tommaso Minoli, play-guardia che ha preferito accasarsi a Chiusi potenziale capolista nel girone A. Il capitano mancava già nella sfida vinta domenica da Monfalcone a Montegranaro, che ha fatto di necessità virtù affidando i galloni al 1999 Francesco Ciarpella guardia-ala con vice il navigato play Simone Bonfiglio, mentre agli ordini di coach Marco Ciarpella, il più giovane in categoria con i suoi 27 anni, è arrivato da Ancona l'under Thomas Aguzzoli, guardia-ala del 2000 di scuola Reggiana, al debutto contro i cantierini. Il 3 aprile scorso Senigallia aveva esordito il centro Leonardo Marini – nel 2014-2015 in A2 a Trieste con 25 presenze e 125 punti – dopo la rescissione consensuale del 17 marzo con Silvio Stanzani e per l'infortunio a un braccio di Gianluca Tibs assente da fine febbraio. Montegranaro è un cantiere aperto, ma la Sutor è comunque determinata a evitare le ultime posizioni, essendo terzultima a 12 punti in classifica e avendo alle spalle soltanto Civitanova Marche a quota 10 e l'Ubp Padova a 8. Al contrario, capitan Giovanni Fattori e compagni al gran completo, che non perdono dalla prima di ritorno del sottogirone C1 a Senigallia, se vogliono inanellare l'undicesima vittoria in campionato e la decima al palaPerusini non devono sottovalutare l'avversaria di turno. Ipotecata la qualificazione ai play-off già prima della Final eight di coppa Italia a Rimini, ora l'United eagles basketball del presidente Davide Micalich può blindare un posto in griglia nelle prime quattro prima di andarsi a giocare mercoledì la prima piazza a Fabriano, magari non solo rodata oggi a Monfalcone.

LA PONTONI VA ALL'ASSALTO DELLA BIG FABRIANO 

La squadra di Praticò va all'assalto della Ristopro facendo gli straordinari. Dopo la vittoria di domenica a Montegranaro che l'ha risollevata in classifica, infatti, giovedì ha giocato a Monfalcone il recupero con la Liofilchem Roseto e l'ha perso per 68-85 (25-24, 37-48, 50-69). Ciò anche se rispetto alla trasferta nelle Marche recuperava capitan Luca Bonetta, il play Matteo Schina doppiolavorista con l'Old Wild West Apu Udine di A2 e la guardia Gianmarco Gobbato, unico assente ancora il lungo Simone Macaro. I cantierini (Giulio Casagrande 18 punti e Devil Medizza 15+5 rimbalzi e assist) hanno vinto di misura primo e ultimo quarto, ma ceduto alla grande nei due centrali: 25-45. Ora dovrà riorganizzare la forze e le fila contro Fabriano forte di cinque tiratori, principe: l'ala Todor Radocic, l'ala-centro Francesco Papa, il play Gianmarco Gulini, i play-guardia Roberto Marulli e Jona Di Giuliomaria, ma anche dei veterani Luca Garri e Andrea Scanzi.          

Sezione: Basket / Data: Sab 17 aprile 2021 alle 10:10
Autore: Valerio Morelli
Vedi letture
Print