Pordenone, Tesser in conferenza: "Prima volta per me a porte chiuse, sarà importante avere l'approccio giusto. Cittadella realtà da esempio per noi"

06.03.2020 20:14 di Jessy Specogna   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Pordenone, Tesser in conferenza: "Prima volta per me a porte chiuse, sarà importante avere l'approccio giusto. Cittadella realtà da esempio per noi"

Il tecnico del Pordenone Attilio Tesser ha parlato alla vigilia della gara sul campo del Cittadella. Queste le sue parole, riprese dal sito ufficiale del club friulano: "Si giocherà a porte chiuse e per me è la prima volta. Sarà importante avere l’approccio giusto in una situazione anomala e servirà grandissima concentrazione, direi almeno il doppio rispetto a quanta ne mettiamo di solito. Con un’atmosfera simile è necessario tenere la tensione al massimo. Nelle ultime due gare abbiamo ottenuto due vittorie importantissime, che ci hanno permesso di riprenderci da un momento non brillante. I ragazzi devono avere la voglia di continuare: di avere la concentrazione, la determinazione, lo spirito di squadra necessario per fare bene. Non deve mai mancarci la fame, una parola che usano tutti ma che è quella che permette di fare una corsa in più, recuperare un pallone in più e spesso fa la differenza. Fame ma umiltà, con la consapevolezza di tutte le cose buone fatte in questo campionato: domani servirà tutto questo".

"Il Cittadella è una realtà che è un esempio per noi. Sono in Serie B da tanti anni, nelle ultime stagioni si è confermata squadra di alta classifica e lo scorso anno ha sfiorato la promozione in Serie A. È sicuramente la squadra con più intensità del campionato, in entrambe le fasi di gioco. Sono aggressivi, organizzati, veloci e giocano in maniera molto offensiva. Noi non dovremo essere secondi in niente, esattamente come nella gara d’andata: una partita brutta ma con un’intensità incredibile rara per la Serie B. Il Cittadella è in forma, ha vinto a Cosenza senza parecchi titolari, e sono una grande dimostrazione dello spirito di squadra di cui parlavo prima. Noi giocheremo senza Burrai, squalificato, e loro senza Diaw. Sono sicuro che sarà comunque una gara bella, intensa, tra due squadre con grande voglia di lottare".