L'Udinese si fa rifilare un poker da una Juve che va a sprazzi. La Vecchia Signora non è quella degli ultimi anni e si vede. Gli uomini di Gotti partono anche bene ( passano in vantaggio con De Paul ma il VAR annulla) ma poi non ne approfittano delle occasioni concesse dai padroni di casa. Una serie di errori (Samir e De Maio da horror questa sera) vengono pagati a carissimo prezzo. La chance dell'1 a 1 fallita da Lasagna, due traverse, qualcosa all'Allianz s'è fatto, peccato per il risultato ampio. Poteva essere una partita diversa? Senza certi regali anche sì.

Musso 6,5 - L'argentino risulta essere provvidenziale in più di un'occasione, senza le sue parate il passivo avrebbe potuto essere anche più pesante. Nega in tutti i modi il gol a Ramsey prima con il corpo quando il gallese è a pochi passi, poi con un volo sulla propria sinistra per spedire in calcio d'angolo. Incolpevole sui gol. 

Bonifazi 6 - Il migliore dei tre dietro. Salva sé stesso ma non può fare nulla per salvare anche i due compagni di reparto. 

De Maio 5 - Si fa bruciare da Ronaldo sul gol del vantaggio della Juve. Al portoghese non si può concedere tutto quello spazio al limite. Poi va sempre in difficoltà quando viene puntato. (dal 65' Molina 6 - Da uno spunto personale nasce il gol dell'Udinese. Salta Frabotta con facilità e poi mette in mezzo. Ripartirà da questa giocata).

Samir 4 - Contro la Juve, come già accaduto anche in passato, dà la peggior versione di sé. Praticamente non ne fa una giusta. Chiesa e Dybala gli vanno via colpo per colpo, sui gol gli danno dieci metri praticamente. E' sempre lui a sbagliare il pallone sul 3-0. Banda del buco.

Stryger Larsen 6 - Partita onesta del laterle danese. Bravo a crearsi di testa l'occasione per accorciare le distanze, peccato per la traversa. Vero che sul secondo gol si perde Chiesa ma se lo vede sfilare dietro senza che nessun compagno lo aiuti. 

Pereyra 5 - Nel suo ritorno all'Allianz non riesce a sfornare una prestazione all'altezza delle sue capacità. Gli manca la brillantezza, gli manca lo spunto. Gara anonima, il Tucu di questa sera la Juve non lo rimpiange. (dal 74' Mandragora s.v. - Entra nel finale per mettere minuti nelle gambe).

Walace 5 - Non riesce a fare filtro davanti alla difesa e anche quando c'è da impostare va in affanno. Spesso saltato con troppa facilità dagli avversari. (dall'81' Makengo s.v.).

De Paul 5,5 - Come giudicare la sua prestazione? Inutile dire che l'Udinese da metà campo in su dipende sempre e soltanto da lui. Anche oggi la giocata migliore della partita è sua, peccato che il suo tocco di mano pregiudichi la prodezza costruita in concerto con Lasagna. Il pallone perso ingenuamente sul vantaggio della Juve, però, è davvero troppo pesante. Una leggerezza che costa carissima all'Udinese. 

Zeegeelaar 6 - In fasa difensiva soffre. Non riesce a fermare Chiesa sul raddoppio, né Ramsey quando segnerebbe lo 0-3. Nella ripresa spinge un po' di più. Sfortunato ed impreciso quando colpisce da due passi la traversa dopo una una bella sterzata, presente quando insacca a porta vuota sulla respinta di Szczesny.

Lasagna 5,5 - Nel gol annullato a De Paul è bravo a scappare in velocità e a servire rasoterra l'argentino al centro dell'area. Avrebbe sui piedi anche la palla per fare 1 a 1 ma ancora una volta gli manca la freddezza del bomber. Tira debolmente in porta quando avrebber potuto scaricare di potenza, come di solito fa, o lasciare la sfera all'accorrente Pussetto (dal 74' Nestorovski s.v.).

Pussetto 5,5 - Generoso, prova a mettere pepe e a dialogare con Lasagna. Ci riesce a sprazzi, si fa male per un incrocio con Bonucci (dal 45' Forestieri 6 - Entra con il piglio giusto. Serve a Zeegelaar un cioccolatino solo da scartare ma il compagno di squadra lo spedisce sulla traversa. Cerca di inventarsi sempre qualcosa. Rientro positivo).

Gotti 5 - La sua Udinese doveva cercare di concedere il meno possibile alla Juve invece regala tre gol. Troppo molli dietro, poco incisivi davanti. Sarebbe potuta essere una partita diversa e invece si rientra con 4 gol e 0 punti in saccoccia.

Sezione: Pagelle / Data: Dom 03 gennaio 2021 alle 23:24
Autore: Stefano Pontoni / Twitter: @PontoniStefano
Vedi letture
Print