Quella conquistata ieri sera, per la Fiorentina è la prima finale di Coppa Italia dell’era Della Valle. Il portale violanews.com ha contattato in esclusiva l’ex portiere viola Giuliano Sarti: “Il pubblico è stato eccezionale, ha sostenuto la squadra per tutti i 90’. Da anni non sentivo un calore del genere. La serata, sotto il punto di vista del risultato, è stata perfetta, ma se vogliamo essere onesti dobbiamo dire che sul piano del gioco la Fiorentina ha avuto diversi momenti complicati. Comunque ciò che contava era la qualificazione e il traguardo, alla fine, è stato raggiunto. Roma o Napoli? Non ci penso nemmeno, preferisco il Napoli. I giallorossi hanno un gioco che ci mette in difficoltà e hanno molti uomini capaci di andare in gol. Il Napoli invece sembra Higuain-dipendente, con loro potremmo partire favoriti. La prestazione di Neto? Ho ancora davanti agli occhi la parata su Gabriel Silva nel primo tempo, molto complessa. È stato bravo, reattivo e freddo. L’Udinese ha fatto di tutto per segnare, ma lui è stato decisivo per tutto l’arco del match. Il coro dello stadio se l’è più che meritato e a me ha fatto molto piacere. Adesso per la Fiorentina arriva un momento decisivo. Non conta lottare tutto l’anno, alla fine si ricordano i trofei e le qualificazioni. Adesso tutti devono essere bravi, dallo staff ai tifosi passando per i giocatori”.

Sezione: L'Avversario / Data: Mer 12 febbraio 2014 alle 16:00 / Fonte: violanews.com
Autore: Davide Gani
vedi letture
Print