È passato pochissimo da Sassuolo-Udinese, vinta dai friulani grazie al gol di Okaka, ma siamo già pronti per ripartire. Oggi infatti con Hellas Verona-Udinese parte la stagione 2020/2021 delle zebrette, che hanno saltato la prima giornata visto il rinvio della sfida con la Spezia, che sarà recuperata il 30 settembre, per quello che è un turno infrasettimanale aggiuntivo. Intanto mister Luca Gotti si prepara per l'esordio da allenatore a tutti gli effetti dei bianconeri. L'anno scorso infatti l'ex Chelsea ha fatto quasi tutte le partite ad interim, non sapendo se avrebbe iniziato un percorso o se la società avrebbe deciso di puntare su qualcun altro. Alla fine, nonostante una trattativa per il rinnovo non particolarmente facile, le parti hanno voluto fosse lui il primo mattone per la nuova Udinese, l'Udinese che dovrà ricominciare un percorso di crescita che si è interrotto ormai nel lontano 2013-2014.

Sarà realmente così? Chi può dirlo, ma l'obiettivo dichiarato, come sempre è la salvezza, ma una salvezza che dovrà passare anche e soprattutto per un campionato tranquillo e senza i soliti scossoni. Ogni anno ormai infatti assistiamo ad almeno un cambio d'allenatore, cosa che nè l'ambiente nè la società gradiscono. Adesso la speranza è di vedere con Gotti la ricostruzione di quello scheletro che poi, negli anni, porta alla possibilità di fare annate importanti con piazzamenti anche in zone europee, prospettiva che adesso per tante ragioni è oggettivamente utopistica.

Il compito del tecnico non sarà per nulla facile. Il materiale per mettere in piedi una formazione titolare da far crescere nel tempo c'è, perchè i giocatori per strutturare una rosa che duri negli anni ci, ma non sarà semplice. Il calciomercato infatti ha portato sì a una sola cessione eccellente ad oggi, ovvero quella di Fofana, ma è anche vero che i difetti dell'anno scorso non sembrano risolti. Davanti l'attacco è rimasto inalterato e molti invece speravano in qualche arrivo per migliorare quel dato dei gol segnati che tanti malumori ha creato. De Paul, la stella della squadra, va verso la permanenza, riuscirà ad essere costante e a trascinare i compagni?. Dietro è stato fatto sostanzialmente un solo cambio, Troost-Ekong probabilmente saluterà sponda Watford e il suo spazio sarà preso da Bonifazi, difensore dal quale si attende ancora un salto di qualità sempre intravisto ma ancora da concretizzare, basterà? Il campo come sempre darà la risposta, la speranza è che l'ambizione di un campionato tranquillo, con la ricostruzione di una struttura, si concretizzi, perchè da troppi anni arrivano sì i 40 punti, ma con troppi, troppi scossoni per scuotere la squadra.

Sezione: Primo Piano / Data: Dom 27 settembre 2020 alle 08:00
Autore: Davide Marchiol
Vedi letture
Print