La classe arbitrale è finita nell'occhio del ciclone. Le ultime decisioni prese hanno scatenato la protesta e l'indignazione di alcune società. Senza dubbio, una semplice multa alla Juventus per dei striscioni vergognosi esposti da alcuni imbecilli, fa rabbia, soprattutto se pensiamo poi alle curve chiuse per discriminazione territoriale, per dei cori che i tifosi, per la maggior parte, fanno da sempre. La differenza di trattamento è chiara ed evidente.
 Fa ancora più rabbia non solo il silenzio della Juventus sul caso e ancora di più le parole di Della Valle. Dopo la squalifica di 4 giornate inflitta a Borja Valero, il patron viola ha acceso la miccia. Della Valle si è lamentato del trattamento subito, ricordando a tutti il cartellino viola ottenuto dalla Fiorentina proprio per il fair play della squadra. 
Ma, d'altra parte, le esternazioni di Della Valle lasciano molto perplessi. Questa ostentazione di fair play è letteralmente fuori luogo, considerando quanto accaduto contro l'Udinese, quando i raccattapalle non c'erano più, usando un comportamento completamente antisportivo e lontano anni luce dal fair play. A questo, va ad aggiungersi anche il comportamento dei viola stessi nel dopo gara con festeggiamenti irriverenti in faccia ai bianconeri. Le decisioni prese negli ultimi giorno sono dubbiose, ma Della Valle farebbe bene a guardare in casa propria prima di sparare a zero. 

Sezione: Primo Piano / Data: Mer 26 febbraio 2014 alle 13:00
Autore: Redazione TuttoUdinese
vedi letture
Print