L’Apu sceglie il suo secondo americano: ecco TJ Cromer

20.07.2019 14:43 di Francesco Paissan   Vedi letture
L’Apu sceglie il suo secondo americano: ecco TJ Cromer

L’Apu Old Wild West si è dunque concessa l’ultimo colpo americano a conclusione della campagna acquisti predisposta per coach Ramagli. Il nome per il ruolo di guardia è quello di TJ Cromer, classe 1995 in uscita dal college di East Tennessee State nel 2017 e reduce da due ottime stagioni europee tra Ucraina e Bosnia.

Questo il comunicato stampa diramato dall’Apu: L’Apu Old Wild West Udine è lieta di annunciare che nella giornata odierna ha completato il suo roster e lo ha fatto a modo suo, in linea con le scelte applicate nel corso di questi anni. Si cercava un giocatore giovane ma già pronto, in ascesa e affamato, talentuoso ma pronto a mettersi a disposizione di un gruppo che abbonda di talento offensivo. La ricerca è stata lunga e meticolosa e alla fine si è deciso di puntare tutto su un’operazione che ricorda quanto fatto nel recente passato al momento della scelta di giocatori del calibro di Stan Okoye, Rain Veideman, Kyndall Dykes, Troy Caupain e Trevis Simpson. Giocatori arrivati quasi sotto traccia e ripartiti con tutti gli onori delle cronache e importanti sirene di mercato. Il profilo prescelto per completare il mosaico da mettere a disposizione di coach Ramagli è quello della guardia americana TJ Cromer, vivisezionato dopo una lunga e attenta attività di scouting e soffiato alla concorrenza di team italiani ed europei di prima fascia. Un atleta pronto all’uso, fatto e finito, tra i capocannonieri del campionato prima in Bosnia al Siroki (16,1 punti di media) e poi in Ucraina al Kharkov (22,9 punti di media) nelle sue due prime esperienze in Europa da professionista dopo essere uscito nel 2017 da East Tennessee State (19 punti di media al suo ultimo anno da universitario). Due esperienze importanti per rompere il ghiaccio nel salto dal mondo del college al duro impatto con il basket europeo prima dell’approdo in A2 a Udine, importante crocevia della carriera di un atleta che ha tutto per affermarsi a grandi livelli sotto le cure di coach Ramagli. La precisione dall’arco (42% da tre nelle due ultime stagioni), la capacità di incunearsi nelle difese avversarie e di mettere in ritmo i compagni (6 assist a gara in Ucraina) sono le caratteristiche principali di Cromer che ha scelto l’Apu Old Wild West garantendo al coach, fin da subito, massima applicazione e disponibilità. Questo identikit è stato ritenuto perfetto dalla società friulana per finire il puzzle della nuova Apu Old Wild West in vista di una stagione che si preannuncia entusiasmante. Un roster completo e ben bilanciato, con l’aggiunta di una chiara connotazione friulana per fare in modo che la magnifica tifoseria del Carnera si possa identificare ancora di più nella sua squadra di basket. Con la ciliegina sulla torta di due americani solidi e pronti a fare sognare come Beverly, direttamente dalla serie A e Cromer, in rampa di lancio per sfondare nella seconda lega italiana.

Seguono poi le parole del presidente Pedone: “Avevamo promesso di allestire un team fresco, talentuoso, giovane ma con un giusto mix di esperienza, affidabile fin da subito ma con ampi margini di miglioramento e crediamo di aver completato un puzzle su cui adesso potranno lavorare le sapienti mani di coach Ramagli e del suo staff. La scelta di Cromer rientra proprio in questa ottica di costruzione di squadra ed è coerente rispetto alla scelta degli stranieri con cui operiamo da sempre. Almeno uno dei due americani ci piace che sia un atleta forte ma da scoprire per il nostro campionato, consapevoli che ormai ci siamo consolidati sul mercato come una piazza ambita ma che funge anche da trampolino di lancio. Pure la scelta di Cromer è stata studiata nel minimo dettaglio e condivisa passo dopo passo con coach Ramagli con cui abbiamo costruito in assoluta sintonia una squadra che ancor prima di scendere in campo sta già riscuotendo grande simpatia”.