Gli ultimi giorni di mercato saranno decisivi per conoscere il futuro di Dusan Basta. L'esterno destro nelle prime settimane di questa sessione era dato come il predestinato a lasciare l'Udinese per approdare in una grande squadra. Perfino lui stesso aveva dichiarato chiaramente in un'intervista la sua volontà di giocare per una big qualora qualche chiamata arrivasse. L'Inter subito si era fatta avanti, dato che il serbo è un pallino di Mazzarri, poi però, davanti alle richieste dei Pozzo, Branca ed Ausilio sono spariti, così che i neroazzurri si sono defilati e sulla scrivania dei Pozzo non è mai giunta alcuna offerta. Troppo alto il prezzo di Basta per le casse dell'Inter che così ha cercato altre opportunità sul mercato. Del serbo perciò non se ne è più parlato, nè all'Inter nè in nessun altra big. Qualche voce è arrivata dall'estero ma nulla di concreto. Ora questi giorni che precedono la chiusura del mercato saranno per lui decisivi. L'Inter infatti sarebbe vicina alle cessioni di Belfodil, Guarin e forse Ranocchia. Soldi freschi nelle casse del presidente Thoir, pronti ad essere reinvestiti sul mercato. Mazzarri necessita di un esterno e data la difficoltà per arrivare a D'Ambrosio del Torino, corteggiato anche da Milan e Juve, l'Inter potrebbe riaprire le trattavie con l'Udinese per far arrivare Basta a Milano, magari inserendo qualche contropartita nell'affare così da far abbassare il prezzo. Qualora che ciò non si averrasse Basta resterà ad Udine almeno fino a giugno e solo nella sessione estiva si cercherà una sistemazione per lui nel caso avesse ancora l'intenzione di andarsene. Infatti è impossibile che altre squadre si facciano avanti di colpo da oggi al 31.

Sezione: Calciomercato / Data: Dom 26 gennaio 2014 alle 08:00
Autore: Stefano Pontoni
vedi letture
Print