Altro poker ed altra figuraccia rimediata dal Watford di Sannino che chiude così un campionato di molto al di sotto delle aspettative e senza neppure centrare l'obiettivo minimo dei play-off. Parole amare quelle del tecnico nel dopo gara che dimostrano un chiaro insuccesso ed una missione fallita: "Abbiamo chiuso la stagione nella maniera peggiore. Nella mia carriera non mi sono mai trovato in questa situazione di dover gestire quattro sconfitte consecutive. Non posso descrivervi il dolore che provo per questa situazione. Mi dispiace per la gente che è venuta a vederci e per le persone che mi hanno dato questo incarico, è tempo di riflettere. Vorrei dire un sacco di cose ma per me è venuto il momento di riflettere su questa stagione. Preferisco parlare con il club per riflettere sulla situazione e per cercare di dare al Watford e ai suoi tifosi ciò che serve e che meritano. Come detto i giocatori non hanno dimostrato in campo quello che si era promesso alla vigilia, impegno e dedizione per concludere bene la stagione. Prima di tutto sono qui per metterci la faccia essendo io l'allenatore e il leader di questo gruppo. Non mi va di parlare dei miei giocatori in questo momento perchè sarebbe troppo facile parlare ora che stiamo attraversando un brutto periodo. Penso di dover fare un applauso ai nostri tifosi, in Italia non si vedono cose simili, è come una lezione che i tifosi ci hanno dato. Sono onesto nel dirvi che nel corso del giro mi sono venute in mente un sacco di cose e l'ultima cosa a cui ho pensato è che questi tifosi non meritavano un finale di stagione come questo. Io ho un contratto che mi lega al club ma non sono la persona che impugna il contratto. Mi è stato chiesto, quando sono arrivato al Watford, di cambiare la situazione, di dare quella spinta necessaria affinchè la stagione cambiasse. Per una parte della stagione siamo riusciti a raggiungere l'obiettivo ma in queste ultime partite abbiamo commesso gli stessi errori".

Sezione: Watford / Data: Lun 05 maggio 2014 alle 11:45
Autore: Stefano Pontoni
vedi letture
Print