tifosi bianconeri

L’angolo del tifoso – Quanto piace questa Udinese

L’angolo del tifoso –  Quanto piace questa Udinese

Il derby triveneto contro la storica rivale scaligera, una delle squadre rivelazione da un anno e mezzo a questa parte, che tra le sue file schiera gli ex Barak, Faraoni e Lasagna, per forza di cose non poteva essere una...

Redazione TuttoUdinese

Il derby triveneto contro la storica rivale scaligera, una delle squadre rivelazione da un anno e mezzo a questa parte, che tra le sue file schiera gli ex Barak, Faraoni e Lasagna, per forza di cose non poteva essere una partita priva di significati e stimoli, al di là delle ragioni di classifica. Da riscattare c'era anche e soprattutto l'amara sconfitta dell'andata, gara gettata via anche per le occasioni sbagliate proprio dal novello veronese Kevin. 

Tante le note positive di una vittoria preziosissima. Partita a tratti dominata, con Silvestri costretto a parare l'impossibile. L’Udinese ha giocato forse il miglior primo tempo della stagione in corso, tanta qualità e tecnica. Anche quando il Verona ha alzato i ritmi e ha spinto con maggior frequenza non ci sono tiri particolarmente insidiosi verso la nostra porta. Vittoria, insomma, meritatissima.

A deciderla, nella ripresa, Deulofeu. L'ex Barcellona è il vero protagonista. Prima porta via una palla a Di Marco sulla fascia e mette in area un cross insidioso che il portiere veronese non blocca e finisce in porta. Poi al 90’ dal limite dell’area si sposta il pallone e con un tiro forte e preciso trova l’angolo alla sinistra di Silvestri. 2 a 0 e tre punti in saccoccia. Vederlo giocare così c’è quasi da stropicciarsi gli occhi e ritengo che possa fare ancora meglio soprattutto nella condizione fisica , ma signori miei permettetemi di esclamare “tanta tanta roba”.

Positiva anche la gara dell'altro spagnolo, Llorente. Finalmente un attaccante che di testa le prende tutte, che riesce a tenere su il pallone e a far salire i compagni. Anche senza gol il suo lavoro si rivelato molto importante. Anche l'atteggiamento è sembrato essere quello giusto, Re Leone è entrato in campo con la determinazione e voglia di chi vuole ancora dimostrare tanto. 

L'unico neo l'infortunio di Pereyra. Ancora una volta la dea bendata ci gira le spalle per i tantissimi infortuni avuti in questo scorcio di campionato, l'augurio è che non si tratti di nulla di grave.

Nelle prime due giornate di questo girone di ritorno portiamo a casa 6 punti contro i 0 dell’andata, bello vederci a 24 punti ed a solo tre lunghezze dalla Sampdoria che è decima ed a sinistra della classifica di serie A. Questa Udinese piace. Da martedi pensiamo alla Roma, con la voglia di fare altrettanto bene.

  .