Brutto stop per l'Udinese contro la Roma all'Olimpico. 3 a 0 senza storie e spina staccata. A commentare la partita, ai microfoni della tv societaria, è stato Giampiero Pinzi, bandiera dei bianconeri e oggi collaboratore di Gotit: "La Roma è una squadra fortissima, da centrocampo in su soprattutto. Paga con le grandi perché dietro concede sempre qualcosina. Ieri non avevamo le giuste distanze tra i riparti, ci allungavamo e lì i giallorossi con Mkhitaryan e Pellegrini ci hanno fatto male. Ci hanno fatto subito gol, la partita si è messa in salita. Ci siamo alzati e abbiamo concesso tanto. Se perdiamo equilibriamo siamo molto vulnerabili. E' stato il peggior primo tempo della stagione.

Nella ripresa abbiamo avuto delle occasioni. Se fossimo riusciti a segnare forse saremmo riusciti a rimetterla in carreggiata. Non siamo stati bravi a sfruttarle. Pazienza, abbiamo toppato. Può capitare su un campo difficile come quello dell'Olimpico. Dobbiamo rimetterci in sesto, capire gli errori. 

A me bolle il sangue perdere contro la Roma. La partita è stata sbagliatissima, proprio perché non avevamo la giusta distanza tra le gambe. Non è stata una questione fisica. Abbiamo faticato tantissimo, primo tempo davvero disastroso. Ci sarà un faccia a faccia tra staff e squadra, come facciamo sempre. Gli errori sui gol sono stati tanti, tutti hanno sbagliato. Analizzeremo bene con il mister cosa abbiamo sbagliato. 

Cosa manca per fare il salto di qualità? Magari saperlo. Serve continuità. A volte le scintille arrivano anche dopo una partita sola. Mi ricordo con Guidolin alcuni momenti dell'annata che ti fanno svoltare. Questo gruppo lavora tantissimo e bene. I giocatori sono dei professionisti esemplari. La partita di ieri è stata un bonus, può capitare ma deve essere l'ultimo. Una partita sbagliata, dove non ti riesce mai nulla".

Sezione: Primo Piano / Data: Lun 15 febbraio 2021 alle 21:41
Autore: Stefano Pontoni / Twitter: @PontoniStefano
Vedi letture
Print