primo piano

Padelli: “L’Udinese è nel mio destino”

Padelli: “L’Udinese è nel mio destino”

Chiusa con lo scudetto l'esperienza con l'Inter, Daniele Padelli ha deciso di ripartire dall'Udinese. Si tratta di un ritorno in bianconero, che il portiere ha commentato così ai microfoni della tv ufficiale del club:...

Stefano Pontoni

Chiusa con lo scudetto l'esperienza con l'Inter, Daniele Padelli ha deciso di ripartire dall'Udinese. Si tratta di un ritorno in bianconero, che il portiere ha commentato così ai microfoni della tv ufficiale del club: "La decisione del mio trasferimento è stata rapida. Poco tempo fa ho ricevuto l’offerta dell’Udinese, un’offerta che non ho potuto rifiutare. L’Udinese è nel mio destino. Il mio esordio in Serie A l’ho fatto a Udine, Udinese-Bari. Poi sono venuto a giocare all’Udinese, mi sono sposato. Il mio esordio in Serie A con l’Inter l’ho fatto a UdineLa stagione che si è appena conclusa è stata un’esperienza meravigliosa che mi ripaga di tutti gli sforzi che ho fatto in passato. È qualcosa di irripetibile.Un po’ di esperienza l’ho fatta, spero di poter essere utile al gruppo e ai tanti ragazzi che magari non conoscono molto bene il campionato italiano. Non vedo l’ora di mettermi a disposizione della società e della squadra. Dopo Udine mi sono spostato a Torino e poi a Milano. In questi anni ho potuto giocare l’Europa League, un bel bagaglio di esperienze che non vedo l’ora di condividere. Il lavoro durante la settimana, l’essere professionisti dentro e fuori dal campo, non lasciare le cose al caso, è fondamentale per la carriera. Spero di poter trasmettere la professionalità che ho sempre cercato di portare avanti in tutta la mia carriera ai più giovani. Gli anni di Udine sono stati anni belli ed intensi, era una grande squadra piena di campioni e il Mister era un grande allenatore. Sono stati anni di grandi soddisfazioni. Mi porto dentro dei ricordi belli che sono stati la spinta per tornare.Obiettivi? È ancora possibile sognare nel calcio, basta vedere cosa sta facendo l’Atalanta. È una squadra che nel tempo si è costruita una struttura fuori e dentro al campo che la fa stare stabilmente al vertice del campionato. A mio avviso Udine ha tutti presupposti per ottenere buoni risultati perché è una delle società migliori d’Italia. Ci sono annate positive e annate meno buone ma rimanere in Serie A è un buon segnale. Piano piano bisogna costruire una struttura che porterà l’Udinese ad essere l’Udinese di una volta. Musso? Mi è sempre piaciuto, a mio avviso è un ottimo portiere con grandi potenzialità. Ha già giocato diversi campionati, è veramente un portiere importante. È giovane e ha ancora margine di miglioramento".