notizie

Messaggero Veneto, le pagelle: malissimo Okaka, Zeegelaar, Samir e Walace

Messaggero Veneto, le pagelle: malissimo Okaka, Zeegelaar, Samir e Walace

Le pagelle del Messaggero Veneto.  MUSSO 5,5 – In uscita lascia un pertugio che Young trova. Incolpevole sulla punizione di Eriksen 2-0. Sul rigore nemmeno ci prova. BECAO 5 – Scintille con Lautaro, ma lui non aveva grandi...

Jessy Specogna

Le pagelle del Messaggero Veneto. 

MUSSO 5,5 - In uscita lascia un pertugio che Young trova. Incolpevole sulla punizione di Eriksen 2-0. Sul rigore nemmeno ci prova.

BECAO 5 - Scintille con Lautaro, ma lui non aveva grandi colpe. Salta male in barriera sulla parabola di Eriksen. Crolla nella ripresa.

BONIFAZI 5 - Involontario assist per Young. Regge per un tempo poi si sbriciola anche lui.

SAMIR 4,5 - Regala subito un calcio d'angolo. Tornava dopo qualche panchina, non ha il sacro fuoco addosso.

MOLINA 5 - Si fa sorprendere dal taglio di Young, assente su Perisic. Finale di stagione in calando.

DE PAUL 5,5 - Anche lui ha staccato la spina. Ha un sussulto d'orgoglio a inizio ripresa quando sfiora la decima rete stagionale.

WALACEN 4,5 - Neanche i ritmi bassi riescono ad aiutarlo. Lento e prevedibile. Suo il fallo su Gagliardini che porta al 2-0.

STRYGER LARSEN 5 - Quello di mezzala non è il suo mestiere. Cerca un paio di inserimenti ma senza fortuna. Finisce da esterno sinistro.

ZEEGELAAR 4,5 - Se Molina si vede poco a destra non è che lui faccia meglio dall'altra parte. In più provoca il rigore del 3-0. Ma provare Ouwejan era proprio impossibile?

PEREYRA 5,5 - È arrivato alla fine con le gomme sgonfie ma almeno confeziona un assist per De Paul e la trasformazione del rigore.

LLORENTE 5 - Dopo un'ora scarsa prende il posto di Okaka. Nulla cambia.

FORESTIERI 5,5 - Un tentativo respinto da Padelli.

MAKENGO 5,5 - Prende il posto di De Paul.

GASPARINI sv - Esordio in serie A a San Siro.

PALUMBO sv - In campo gli ultimi tre minuti.

OKAKA 4 - Comincia la sua partita con un retropassaggio di trenta metri in fallo laterale, poi è lui in barriera, assieme a Becao, che apre il buco favorendo la parabola di Eriksen che altrimenti non sarebbe mai passata. Non si ricorda una giocata utile nell'ora scarsa in cui rimane in campo. La sua partita con l'Inter è l'emblema di questo brutto finale di stagione dell'Udinese e di un attacco che non può far male neanche a una mosca.