Gotti: "Se una persona decide di fare il vice va avanti per quella strada. Quando l'Udinese prenderà un altro al mio posto..."

13.01.2020 11:33 di Stefano Pontoni Twitter:    Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Gotti: "Se una persona decide di fare il vice va avanti per quella strada. Quando l'Udinese prenderà un altro al mio posto..."

Il tecnico dell'Udinese, Luca Gotti, ha parlato a Radio Rai nella trasmissione Radio Anch'io Sport. Queste le sue parole: "Le ultime tre partite sono state particolarmente prolifiche sotto l'aspetto dei punti e le prestazioni sono state molto convincenti".

Tra i suoi meriti c'è anche quello di aver rilanciato De Paul. Secondo lei è pronto per una big?
"Credo di sì, poi bisogna vedere in che vesti andrebbe in una grande. Ha caratteristiche che lo facevano apprezzare di più vicino alla porta. In italia si era visto quel De Paul mentre con l'Argentina ha giocato spesso da centrocampista. Se dovesse riuscire a mettere insieme queste qualità sarebbe perfetto a qualsiasi livello".

Perché ribadisce sempre che lei vuole essere un secondo allenatore?
"Ci sono diversi motivi. Il primo è legato al fatto deontologico che un collaboratore non è bello che subentri al primo allenatore. Sono subentrato perché il periodo era delicato e non c'era il tempo, in quella settimana, di cambiare tecnico. Se una persona decide di fare il vice va avanti per quella strada. Quando l'Udinese prenderà un altro al mio posto se lo conoscerò bene potrò continuare a collaborare, altrimenti la mia presenza potrebbe essere troppo ingombrante".

Cosa si aspetta dal mercato?
"L'Udinese non è una società famosa per stravolgimenti a gennaio, non so cosa deciderà il club. Noi allenatori non abbiamo tabelle legate alla classifica ma la storia ci deve insegnare. In questo campionato la quota salvezza potrebbe essere più bassa, non ci sono squadre materasso che lasciano punti a tutti".

Ci sono stati diversi errori in ripartenza in questa giornata, come quelli di Napoli e Roma. Anche lei chiede ai suoi giocatori di non buttare mai la palla?
"Dipende molto dai giocatori che si ha a disposizione, se una squadra deve salvarsi ragiona in maniera diversa rispetto a chi sta in alto in classifica. Ci sono molti portieri, e cito per esempio quello del Borussia Moenchengladbach, che agiscono da calciatori di movimento e hanno statisticamente più passaggi tentati di difensori, centrocampisti e attaccanti".

Qual è il suo sogno per la prossima stagione?
"Difficile dirlo. Il sogno sarebbe quello di giocare la Champions League con qualche possibilità di vincerla. L'anno scorso ho avuto la fortuna di lavorare con Sarri al Chelsea e il percorso si è concluso con la vittoria dell'Europa League".

Pensa che Lasagna possa avere chance per andare all'Europeo?
"Può averle, è un giocatore velocissimo che ha forza e punta gli spazi. Ha doti che ancora non riesce a sfruttare al meglio. Deve essere tenuto in considerazione":

Se Sarri la richiamasse cosa farebbe?
"Lo abbraccerei, così come farò mercoledì sera in Coppa Italia. Non so cosa dire, sicuramente ci penserei".

Pensate ad andare avanti in Coppa Italia?
"Il sistema con cui è costruita la competizione è molto penalizzante per le più piccole. In Inghilterra è tutto diverso, il sorteggio è sempre integrale e i big match possono esserci da subito. Adesso per l'Udinese è difficilissimo, visto che dopo la Juve potrebbe dover sfidare un'altra squadra fortissima come la Roma".