Il pareggio di domenica scorsa contro il Benevento non può essere visto come un risultato positivo, nonostante infatti la fine della serie lunghissima di sconfitte, il gol di Sagna al 90' non ha fatto altro che avvicinare ancora di più l'Udinese al baratro e in queste tre ultime giornate di campionato i bianconeri di Tudor dovranno conquistarsi una salvezza che mai come quest'anno appare difficile da raggiungere. I punti che separano i friulani dalla retrocessione sono soltanto tre e domenica al "Friuli" si presenterà un'Inter ferita e desiderosa di riscatto dopo i torti subiti nel big match contro la Juventus, che hanno allontanato i neroazzurri dal quarto posto a causa delle vittorie di Roma e Lazio, la prima delle tre finali nelle quali l'Udinese dovrà regalarsi la permanenza della massima serie si presenta quindi sulla carta molto proibitiva. La squadra di Luciano Spalletti da un paio di settimane a questa parte ha ritrovato la compattezza e la grinta di inizio stagione e le possibilità che questa distratta Udinese possa trovare dei punti contro questa Inter sembrano essere ridotte al minimo, visto che la partita di Udine rappresenta quasi l'ultima spiaggia per Icardi e compagni per rimanere attaccati al sogno Champions League. Ma il calcio si sa, è bello perchè è una materia di difficilissima comprensione, ed è proprio contro le grandi squadre che i bianconeri spesso riescono a tirare fuori il meglio di loro, come è successo nella sfida di andata, in cui l'Udinese dominò alla Scala del Calcio di fronte ad un'Inter che allora si trovava in vetta alla classifica, ma oggi è tutta un'altra storia, domenica ai friulani servirà una prestazione ancora più perfetta di quella dell'andata per cercare di tornare a fare punti davanti ai propri tifosi e in questo momento l'idea della perfezione appare quasi utopica viste le condizioni più che precarie di questa squadra. Nel lunch match della Dacia Arena a vincere quindi saranno le motivazioni, chissà se a prevalere saranno la rabbia e la voglia di tornare in Champions League da parte dell'Inter o se, a sorpresa, vincerà il desiderio di mettere la parola fine al discorso salvezza da parte dei friulani, che però non dovranno regalare niente ad una squadra già fortissima di suo, che di regali di certo non ne ha bisogno, ma da tre mesi a questa parte in casa Udinese di regali agli avversari di turno non mancano proprio mai.

Sezione: Focus / Data: Gio 03 maggio 2018 alle 20:00
Autore: Stefano Fabbro
vedi letture
Print