focus

Quando vedremo all’opera Walace? Il brasiliano scalpita, ma la concorrenza ? agguerrita

Quando vedremo all’opera Walace? Il brasiliano scalpita, ma la concorrenza ? agguerrita

L'amichevole di ieri contro il Pordenone, oltre ad essere stato un ottimo spot per il calcio friulano con le due rappresentanti più in vista del movimento calcistico del Fvg, è stata anche l'occasione per vedere...

Jessy Specogna

L'amichevole di ieri contro il Pordenone, oltre ad essere stato un ottimo spot per il calcio friulano con le due rappresentanti più in vista del movimento calcistico del Fvg, è stata anche l'occasione per vedere all'opera dal primo minuto l'acquisto più costoso del mercato bianconero, il brasiliano Walace. Schierato nel centrocampo a due proposto da Igor Tudor, al fianco di Jajalo, l'ex Hannover ha dimostrato una forma fisica ancora precaria, ma anche spunti interessanti. Buona fisicità e piedi discretamente educati per un classico centrocampista d'ordine, che fa proprio del suo strapotere fisico l'arma principale. Ci vorrà ancora un po', probabilmente, per vedere in campo il vero Walace. Come detto da Tudor, il brasiliano, che all'Hannover non ha disputato neanche una amichevole nel pre campionato, avrà bisogno di tempo per potersi mettere al pari dei compagni dal punto di vista della condizione atletica. 

La domanda che sorge spontanea, però, è quando Walace potrà dire la propria in campo o ritagliarsi uno spazio primario nello scacchiere bianconero vista la concorrenza. Le sue caratteristiche fanno di lui un giocatore perfetto per un centrocampo a quattro o per agire comunque a protezione della difesa, un po' meno indicato, invece, a svolgere il ruolo di mezz'ala. Con l'attuale modulo, il 3-5-2, Walace potrebbe perfettamente agire da vertice bass??????o ma, al momento, togliere uno come Jajalo sembra quasi impossibile. In un ipotetico, invece, 3-4-2-1, il brasiliano potrebbe convivere con l'ex Palermo, ma in questo caso il sacrificato sarebbe Mandragora, giocatore apparso decisamente in rampa di lancio in questo primissimo scorcio di stagione.

Insomma, starà a Tudor trovare la soluzione migliore per valorizzare al meglio le caratteristiche del mastino brasiliano, giocatore sul quale l'Udinese crede molto ed ha anche investito molto.