L'Udinese si ritroverà nella prossima estate con un vero e proprio tesoretto, ricavato dalle cessioni che sicuramente prenderanno corpo la prossima estate. Molti milioni affluiranno quindi nelle casse del club bianconero, arricchendo sempre di più un bilancio sempre in positivo, dal fatturato e dai ricavi incredibili. Almeno una 15ina di milioni arriveranno dalla cessione della comproprietà di Cuadrado ma la cifra potrebbe ancora crescere di molto se il colombiano farà vedere grandi cose nel prossimo mondiale brasiliano. Stesso discorso per Candreva. Anche la sua metà del cartellino vale almeno 8 milioni ma un exploit nell'Italia di Prandelli potrebbe far lievitare ancora di più il prezzo. Soldi arriveranno anche dalla Juventus per il pagamento della seconda metà di Isla, anch'esso in comproprietà. Si tratta di 8 milioni tondi tondi. Poi i ricavi delle cessioni vere e proprie. Tra i sicuri partenti che molto probabilmente lasceranno Udine a fine stagione ci sono già Basta, Pereyra ed Heurtaux. Tutti e tre infatti ambiscono a giocare in un grande club così che la società dovrebbe accontentarli, lasciandoli partire e coronare il loro sogno. Valutazioni da capogiro per questi tre gioielli della bottega dei Pozzo con già le grandi squadre pronte ad aprire il taccuino e a spendere tantissimo pur di averli. 20/25 milioni il prezzo di Pereyra, 15 quello di Basta, almeno 10 quello di Heurtaux. Sulla lista poi potrebbero comparire, oltre a cessioni di minor peso, anche quelle di Allan e Gabriel Silva, seguitissimi da top club italiani, come la Roma ed il Napoli. Un tesoretto come minimo da 50 milioni che i tifosi vorrebbero almeno reinvestito in parte dato che il bilancio semrpe verde della società consente investimenti. I sogni sono tanti, chissà se la realtà li potrà concretizzare. 

Sezione: Calciomercato / Data: Lun 17 febbraio 2014 alle 09:30
Autore: Stefano Pontoni
vedi letture
Print