Oggi, alle 19 (arbitri il vicentino Filippo Castello di Schio e il veneziano Mattia De Rico), partita di cartello al Benedetti per la penultima di ritorno del girone Nord di serie A2 femminile di basket. La damigella d'onore Delser Crich Lbs Udine ospita la terza forza Akronos Moncalieri nel clou della giornata, che poi proprio penultima non è perché in coda al girone di ritorno saranno giocati i recuperi dei primi due turni d'inizio fase discendente della stagione regolare. Prima dei play-off, insomma, mancano ancora quattro gare, ma quella odierna fa da spartiacque per le “delserine” che da squadra rivelazione del campionato se la giocano ormai da pari a pari con tutte le avversarie, anche con le big. Capitan Eva Da Pozzo l'hanno dimostrato anche in Final eight di coppa Italia a metà marzo, traguardo storico per la Libertas Basket school del presidente Leonardo De Biase fondata nel giugno 2013, in cui approdando in finale le sue ragazze sono andate a un passo dal rinverdire i fasti tricolori dei tre scudetti seniores femminili di fine anni Cinquanta e inizio Sessanta conquistati dall'Associazione pallacanestro udinese. Come in campionato, hanno ceduto solo a Crema monopolista della Coppa da quattro anni e capolista nell'A2 Nord, dopo essere stata l'unica avversaria a battere la squadra di coach Alberto Matassini all'andata e al ritorno. Messa in tasca in anticipo la qualificazione per le sfide promozione, oggi le udinesi hanno l'occasione per ipotecare il secondo posto che darebbe loro il vantaggio del fattore, cioè gara1 ed eventuale bella in casa, almeno sino alla semifinale. La Delser è seconda con 36 punti in classifica, 6 in più di Moncalieri che ha però tre partite da recuperare e all'andata la Lbs si è imposta per 52-66 in casa dell'Akronos. Se dovessero ripetersi anche oggi, la piazza d'onore sarebbe di fatto delle udinesi attese poi dal trittico con squadre di coda quali Albino, Carugate e Ponzano. Se dovessero perdere, dovrebbero mantenere almeno la differenza canestri favorevole (+14) rispetto alle piemontesi, che avranno il dente avvelenato per lo schiaffo preso a domicilio nell'andata. 

Allora finì 52-66 (14-14, 28-22, 41-43) con 23 punti dell'ala-pivot Ilenia Cordola, mentre sul fronte friulano finirono in doppia cifra con un ventello la play-guardia Antonia Peresson, la guardia Anna Turel con 17 e l'ala Tina Cvijanovic con 13. La Delser, dopo i successi su Umbertide per 67-66 nei quarti, per 58-53 su Faenza in semifinale e la sconfitta per 73-60 in finale con Crema, ha inanellato due successi in campionato per 53-49 su Sarcedo e per 58-70 a Bolzano. Moncalieri, invece, è ferma da dopo la Coppa per casi Covid nel gruppo squadra. E della coppa Italia l'Akronos martedì, per due settimane, sul sito charitystars.com metterà all'asta le divise speciali della squadra, prodotte per la Final eight 2021. Tutto il ricavato sarà devoluto alla fondazione Paideia, che da oltre vent'anni lavora ogni giorno al fianco di famiglie e  bambini in difficoltà. Attorno alla squadra piemontese di coach Paolo Terzolo aleggia un alone di mistero, perché non filtrano aggiornamenti sulla situazione sanitaria e si verificherà solo in partita che formazione schiererà. A parte i motivi di classifica, la sfida cela vecchie ruggini per via dell'atteggiamento al Benedetti del suo allenatore un paio di stagioni fa durante un time out mentre cercava di motivare le sue giocatrici.

Il centro di casa Marta Scarsi, reduce dall'high stagionale di punti (14) a Bolzano, presenta la sfida. “La partita – spiega la 'leonessa' bresciana – è un passaggio importante nel nostro percorso di crescita, nonché una tappa fondamentale per concludere al meglio la regular season. Dovessimo vincere, infatti, oltre a blindare il terzo posto, faremmo un bel passo in avanti anche in quello che, giornata dopo giornata, si è trasformato nel nostro nuovo obiettivo: piazzarci nei primi due posti”.
“Sappiamo – continua – che non sarà un impegno facile, anzi. Moncalieri arriva da due turni di riposo, ma questo non può e non deve assolutamente farci abbassare la guardia. Sarà nostro compito invece, anche in virtù di ciò, approcciarci all'incontro con la giusta tensione, con quel livello di concentrazione che, di fatto, cerchiamo di impiegare in tutte le sfide, specie in quelle, sulla carta, più ardue”.
Spazio poi al momento Delser: “Noi arriviamo da un bel periodo: l'esperienza in coppa Italia ci ha dato maggior consapevolezza nei nostri mezzi; le vittorie con Sarcedo e Bolzano ci hanno permesso di avvalorare il gioco da noi espresso, una pallacanestro che, di settimana in settimana, proviamo a perfezionare, a rinnovare al fine di poter mettere in difficoltà tutte le nostre avversarie”.
“Siamo arrivate nel periodo della stagione più bello – chiosa infine –, con l'inizio dei play-off alle porte. Mi piacerebbe giocarli il più a lungo possibile riuscendo, perché no, ad arrivare in finale. Abbiamo dimostrato di poterlo fare. Ad ogni modo, adesso la priorità è affrontare queste ultime quattro giornate al meglio, così da suggellare con un piazzamento di spicco il cammino compiuto sinora”.

Sezione: Basket / Data: Sab 03 aprile 2021 alle 10:04
Autore: Valerio Morelli
Vedi letture
Print