Ferma dal 30 gennaio scorso, quando ha perso per 61-59 l'anticipo a Vicenza della quarta giornata di ritorno nel girone Nord della serie A2 femminile, oggi alle 21 (arbitri il bergamasco Mirko Moreno Di Franco e il comasco Matteo Colombo di Cantù) la Delser Crich Lbs Udine ritorna sul parquet a Mantova contro il Basket 2000 San Giorgio in cerca di se stessa nella sesta di ritorno. La squadra udinese, splendida capolista solitaria a fine andata grazie a 12 vittorie e con una sola sconfitta a Crema, è infatti reduce da due stop di fila. Il primo al palaBenedetti è stato il secondo stagionale contro le cremasche che, rimessesi in pari con le friulane come gare disputate, le hanno riagganciate in testa alla classifica e ora sono prime in virtù del doppio confronto a loro favore per 2-0.  La coppia al vertice è incalzata a 2 punti da Moncalieri, a 4 da Castelnuovo Scrivia e a 6 da Vicenza. Mantova, 4 lunghezze più sotto, è sesta al pari di Alpo e Sanga Milano. Le ragazze di coach Alberto Matassini vogliono ritrovare il risultato per blindare il gioco a cinque squadre per i primi quattro posti, che è l'obiettivo posto dal loro allenatore in questo girone di ritorno. 

Devono però ritrovare anche se stesse perché in questa trasferta sconteranno l'assenza di due compagne di squadra a causa del Covid-19. A Vicenza erano prive della guardia Anna Turel, a Mantova faranno a meno anche dell'altra esterna Alice Milani che proprio contro le beriche aveva esordito nella Libertas basket school di ritorno nella sua Udine dopo quasi cinque stagioni giocate a San Martino di Lupari tra giovanili, A2 e A1. Capitan Eva Da Pozzo e compagne sono un gruppo giovane che fin qui ha stupito il campionato e vogliono riprendere il processo di crescita intrapreso con l'ingaggio dell'americana di Pordenone, Antonia Peresson, rimpatriata dopo sei anni negli Usa e che ha surrogato alla grande l'addio al basket della storica capitana Lbs, Debora Vicenzotti. Il virus non aiuta, anzi ha addirittura imposto qualche giorno di stop agli allenamenti. Non aiuta anche il precedente dell'andata vinta per 78-46 dalla Delser sulle mantovane, che allora accusavano un focolaio. Inoltre, le virgiliane sono reduci da una sconfitta a Sarcedo per 63-57 e vorranno rifarsi.

Loro punti di forza sono l'argentina Florencia Llorente, pivot del 1992 top scorer ospite all'andata a Udine con 18 punti al pari del play-guardia Peresson tra le friulane che hanno avuto un ventello dall'ala slovena Tina Cvijanovic, e la guardia del 1987 Giulia Monica, assente un girone fa. Così come non giocava Cristiana Petronio, ala del 1999 ex di turno perchè dal 2016 al 2018 è stata alla Lbs. Di famiglia udinese, è figlia di Gianluca Petronio ds di Bergamo in A2 e sorella di Alessandro preparatore atletico all'Ueb Cividale (come lei al Cus Verona dove studia scienze motorie), giocatore della Calligaris Corno di C Gold e responsabile 3 contro 3 della Fip Fvg.  Insomma, oggi ci sarà pane per i denti delle “delserine” ammette il centro Elisa Pontoni: “Sfida tosta a Mantova, giochiamo in un campo ostico dove le padrone di casa danno sempre il meglio”. Ma la Lbs riparte da se stessa: “La sconfitta con Vicenza non ci ha abbattute, siamo consapevoli delle nostre capacità e dei nostri punti di forza”. E ha fiducia di tornare al completo quanto prima: “Speriamo di rivedere presto in campo Anna e Alice, per fortuna avevamo anticipato la gara con l'Alpo”.

Che è stato l'ultimo successo udinese, gara giocata in anticipo perché Cvijanovic figurava di nuovo tra le selezionate dalla Slovenia per le qualificazioni europee d'inizio febbraio anche se alla fine non è stata convocata perchè a lei ala è stato preferito un pivot. Sfumata per la Lbs è anche la ventilata organizzazione della Final eight di coppa Italia di A2 femminile, per la quale la Delser è qualificata da prima nel girone Nord. Il presidente Leonardo De Biase aveva presentato la candidatura di Udine, in alternativa a Selargius diceva, ma alla fine la Coppa si giocherà a Brescia, dov'è pure qualificata la Brixia per la fase finale, dall'11 al 14 marzo prossimi. L'ultima settimana maggio, invece, stando sempre a De Biase ci sarà basket under 20 femminile a Udine. I campionati giovanili non sono cominciati, ma la Lega basket femminile sta pensando di organizzare una “bolla” a invito per la quarantina di squadre iscritte: quattordici in Lombardia, sette nel Lazio e le altre nel resto d'Italia. La Delser, fra l'altro, ha una nutria schiera di ventenni e under. Più che qualificarsi per una finale nazionale under 20, si potrà partecipare a una kermesse forse addirittura a sedici squadre.            

Sezione: Basket / Data: Sab 13 febbraio 2021 alle 09:46
Autore: Valerio Morelli
Vedi letture
Print