Udinese-Cagliari, Nicola e Maran sfidano i propri tabù

29.12.2018 11:30 di Federico Mariani  articolo letto 310 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Udinese-Cagliari, Nicola e Maran sfidano i propri tabù

Ultimi 90 minuti e poi si gira boa. Il campionato prosegue senza soste e, gara dopo gara, entra nel vivo la corsa per la salvezza, con almeno sei squadre coinvolte. Udinese-Cagliari sarà una sfida particolarmente delicata in quest’ottica, anche se i sardi possono contare su un margine di 7 punti sulla zona retrocessione che lascia qualche sicurezza in più. I friulani, invece, devono assolutamente vincere per tenere a distanza il Bologna terzultimo e distante solo 2 lunghezze.

Si tratta di un match equilibrato, che richiederà un’accorta gestione tattica. Rolando Maran per i rossoblù e Davide Nicola per i bianconeri saranno chiamati ad un importante lavoro di valutazione prima e durante la gara. Sarà il quarto confronto tra i due allenatori e, numeri alla mano, chi deve avere più paura di questa sfida nella sfida è il tecnico degli isolani, uscito sempre sconfitto. Per tre volte ha incrociato l’attuale guida dell’Udinese. Il primo precedente risale alla stagione 2013/14 e vide Nicola, allora sulla panchina del Livorno, avere ragione del collega, all’ultima annata con il Catania, per 2-0. Stesso esito nel doppio confronto nel 2016/17, quando l’allenatore ora in bianconero guidava il Crotone e rifilò a Maran, in quel momento tecnico del Chievo Verona, un 2-0 allo Scida ed un 2-1 al Bentegodi. Dunque, il confronto tra strateghi, finora, non ha avuto storia.

Tuttavia, ci sono altri numeri da prendere in considerazione. Ed anche Nicola ha una sua maledizione. In cinque confronti, non ha mai battuto il Cagliari. Un solo pareggio a fronte di quattro sconfitte non può essere considerato un gran risultato. Dunque, oggi, alla Dacia Arena si assisterà alla caduta di un tabù. Anche questo tocco di imprevedibilità conferisce al match un sapore veramente speciale.