Dalle colonne del Messaggero Veneto Mauro Lovisa, presidente del Pordenone, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla possibile ripresa delle competizioni al termine dell’emergenza sanitaria in atto: “Lo staff e i calciatori saranno controllati periodicamente: siamo già in contatto con una struttura privata a riguardo, per effettuare ogni verifica relativa al loro stato di salute. Sarà un monitoraggio costante, sarà impegnativo, ma non ci scoraggiamo e vogliamo seguire questa linea, che sarà comunque portata avanti qualora ci fosse il via libera per giocare da parte di Figc e della Lega B, che a loro volta dipendono dalle indicazioni delle autorità medico-scientifiche.L’alternativa, se si decidesse di non tornare in campo, è passare l’estate in tribunale a valutare i ricorsi. Voglio sottolineare un aspetto: se si riprende a giocare, non mancheremo di rispetto a chi è mancato. La ripartenza sarà portata avanti in maniera intelligente e sensata”.

Sezione: Pordenone / Data: Lun 06 aprile 2020 alle 14:32
Autore: Stefano Pontoni / Twitter: @PontoniStefano
Vedi letture
Print