Luis Muriel prosegue nel suo momento poco positivo, che lo vede assente dal tabellino dei marcatori ormai da sette mesi, ovvero da quando, il 16 febbraio, andò a segno contro il Genoa. In Colombia però difendono uno dei talenti migliori del Paese sudamericano, addossando le colpe maggiori del calo di Muriel a Guidolin, colpevole di aver scelto nella scorsa stagione un modulo che favoriva Totò Di Natale e non il colombiano. Ora, come auspicato da Mauricio Andres Luna di Futbolistas Colombia, "con il nuovo allenatore e con il nuovo schema, Muriel potrà tornare a essere l’attaccante e il bomber che ci ricordiamo". Intanto, sono già sorte le prime perplessità anche sul nuovo tecnico dell'Udinese, Andrea Stramaccioni, accusato di averlo ingiustamente sostituito sabato alla fine della prima frazione, poiché Muriel "con le qualità di cui gode ha bisogno di mettere minuti nelle gambe". Stramaccioni intanto lavora per cambiare modulo, ma anche l'attaccante colombiano dovrà tornare ad essere quello ammirato a Lecce e nella prima stagione in Friuli, non solo per tornare ad essere paragonato al vero Ronaldo, quello brasiliano, ma anche per non perdere il posto in favore di gente come Thereau e Bruno Fernandes, che scalpita alle sue spalle.

Sezione: Notizie / Data: Mer 17 settembre 2014 alle 18:30
Autore: Francesco Digilio / Twitter: @FDigilio
vedi letture
Print