Il vicepresidente AIC Calcagno: "i auguro che il messaggio non sia chiudiamo perché ci conviene economicamente. La cassa integrazione serve prima ad altri settori"

04.04.2020 16:03 di Redazione TuttoUdinese   Vedi letture
© foto di Emiliano Crespi
Il vicepresidente AIC Calcagno: "i auguro che il messaggio non sia chiudiamo perché ci conviene economicamente. La cassa integrazione serve prima ad altri settori"

Il vicepresidente dell'Assocalciatori, l'avvocato Umberto Calcagno, analizza quanto emerso dalla riunione di ieri coi club di terza serie italiana. 

"In molti ritengono impossibile il ritorno in campo, mi auguro non sia vero. Perché se così fosse, e indipendentemente dalla crisi epidemiologica in corso, avremmo un comparto economico del nostro mondo che vuole comunque chiudere. Non credo sia un bel messaggio da mandare all’esterno. Un conto è la tutela della salute, per la quale per primi ci siamo battuti, altro è sfruttare strumentalmente una situazione di emergenza per voler risparmiare. Siamo uomini di calcio e ci teniamo al nostro paese, adesso dobbiamo sperare che si possa uscire dalla crisi e riprendere a giocare. Se fosse questa la posizione comune delle società, direi che è meglio non speculare sugli stipendi da pagare ai calciatori, fermo restando che il mese marzo tra allenamenti, malattia e ferie è già maturato e fuori da qualsiasi ragionamento. La cassa integrazione? Serve per quei settori che non possono più andare avanti con le loro attività e non credo verrebbe concessa a chi vuole decidere autonomamente di interrompere l’attività. Abbiamo anche richiesto la creazione di un fondo solidaristico di accompagnamento alla cassa, per tutelare le fascine può basse di reddito e la parte apicale del dilettantismo maschile e femminile. Il dialogo con la Lega proseguirà sperando che ci sia lealtà nei rapporti".