Amatissimo dai tifosi, capitano storico ed ex bandiera dell'Udinese, Valerio Bertotto, nel corso di una lunga intervista concessa al Corriere Dello Sport, parla della sua avventura in qualità di Commissario Tecnico della Nazionale Under 20 di Lega Pro. Questi alcuni passaggi del suo intervento: "Sono orgoglioso che abbiano scelto me per questo incarico che mi permette di trasmettere a tanti giovani la mia esperienza calcistica maturata ai massimi livelli. Quello del ct è un ruolo particolare, hai a disposizione i ragazzi solo per brevi periodi e devi creare la chimica giusta per formare lo spogliatoio e dare l'amalgama al gruppo. Io e il mio vice abbiamo girato in lungo e in largo l'Italia per dare la possibilità ai giovani più interessanti di mettere in mostra le loro qualità. E' un impegno continuo. Negli Under 20 ci sono elementi già pronti per andare in A o in B. Giocano con continuità in prima squadra e hanno potenzialità tecniche che vanno prese in considerazione. Tra questi spicca Mattia Montini della Feralpi, Alessio Vita del Monza, Daniele Paparusso del Poggibonsi e Filippo Falco del Lecce. Se fossi un direttore sportivo li seguirei da vicino. Prima o poi vorrei allenare in Serie A, magari ritrovando qualche ragazzo che ho lanciato come ct".

Sezione: Notizie / Data: Gio 23 maggio 2013 alle 19:20 / Fonte: Corriere Dello Sport
Autore: Davide Alello
vedi letture
Print