Sta per arrivare il momento di Alvaro Morata. L'attaccante spagnolo scalpita e ha voglia di mettersi a disposizione della squadra che lo ha tanto voluto durante l'estate ma che ancora non ha potuto beneficiare delle sue caratteristiche. Dopo l'infortunio e la conseguente operazione al ginocchio di fine luglio l'ex Real Madrid si è dato molto da fare per rientrare prima dei 50 giorni stabiliti dal dottore. Da più di una settimana si è aggregato ai compagni insieme all'altro infortunato di lusso Andrea Barzagli, e contro l'Udinese potrebbe scattare anche la sua prima convocazione o al massimo essere rimandata di qualche giorno per la prima di Champions con il Malmoe. Con il rientro di Morata, Allegri potrà cominciare seriamente a mettere a frutto quanto più volte dichiarato e provato in allenamento: il 4-3-3 o 4-3-2-1 in alternativa al rodato 3-5-2. Il primo modulo prevede un tridente formato dallo spagnolo, Llorente e Tevez, così come il secondo prevede sempre l'utilizzo degli stessi protagonisti con l'arretramento però di Morata e dell'argentino alle spalle dell'ex Bilbao.

Sezione: L'Avversario / Data: Mar 09 settembre 2014 alle 10:30 / Fonte: Tuttomercatoweb.com
Autore: Francesco Digilio / Twitter: @FDigilio
vedi letture
Print