Ritorna il calcio, finalmente torna l'Udinese

29.05.2020 12:00 di Stefano Fabbro   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Ritorna il calcio, finalmente torna l'Udinese

In molti non saranno d'accordo, in molti saranno ancora dalla parte del "no, non si deve giocare", c'è chi utilizza come motivazione uno stampo molto moralista, c'è chi invece utilizza la motivazione della prossima stagione che sarà compromessa, senza pensare al fatto che senza concludere questo campionato, forse il prossimo sarebbe stato ancora più compromesso. 
Uno stop definitivo avrebbe comportato danni incalcolabili sia per l'industria calcio, basti pensare a quante società sarebbero state costrette a portare i libri in tribunale, sia allo stato italiano in generale, visto che il "pallone" è la terza industria del paese e fattura l'1% del PIL del nostro stato, sempre meglio ripeterle certe cose visto che si vive in un periodo in cui il moralismo regna sovrano. 
Poi invece c'è chi, come il sottoscritto, non vedeva l'ora di sentire questa notizia, di vedere finalmente ufficializzata la ripartenza della Serie A, ma soprattutto il ritorno dell'Udinese, troppi tre mesi senza i bianconeri, arrivare a sei mesi o forse sette sarebbe stato deleterio, in un'estate molto limitante che attende tutti noi, quantomeno la presenza costante delle partite di calcio occuperà le nostre giornate, i nostri piani e i nostri discorsi, è chiaro che senza pubblico le partite non saranno come prima, ma un barlume di normalità quantomeno sta tornando, in Bundesliga giornata dopo giornata i match stanno diventando sempre più gradevoli e divertenti, la speranza è che anche in Serie A si vada in questa direzione. 
Tornando ai temi bianconeri, l'Udinese dovrà subito calarsi nella parte, infatti la squadra di Gotti dovrà essere pronta a questo tour de force per conquistare la salvezza, classifica alla mano sono solo 3 i punti che distaccano i bianconeri dalla zona rossa e al ritorno in campo ci sarà subito uno scontro diretto a Torino contro il "Toro" di Moreno Longo, servirà arrivarci nelle migliori condizioni possibili perchè nonostante le porte chiuse, nonostante i due mesi di stop forzati, in campo non si giocheranno amichevoli come in tanti dicono, ma partite vere, con in palio obiettivi e risultati importanti, insomma cari tifosi bianconeri, tra qualche settimana si tornerà a soffrire come sempre, io sono pronto, e voi?