Giacomini: "Velazquez sta praticando un gioco che in Spagna non ha mai fatto, questo è un problema. La squadra segna poco, cambiando il modulo i risultati non sono migliorati"

08.11.2018 09:00 di Jessy Specogna  articolo letto 1476 volte
Giacomini: "Velazquez sta praticando un gioco che in Spagna non ha mai fatto, questo è un problema. La squadra segna poco, cambiando il modulo i risultati non sono migliorati"

Mister Massimo Giacomini ha parlato della situazione dell'Udinese ai microfoni di Tmw. Queste le sue parole:

"La squadra era partita abbastanza bene poi ha avuto problemi nella gara col Bologna, mentre Juve e Napoli non possono essere alla portata dei friulani. Quella col Milan non è stata una cattiva gara, fermo restando che i rossoneri non hanno rubato nulla. Però l'Udinese ha giocato alla pari: si può imputare qualcosa alla sfortuna anche se poi l'errore a metà campo che ha portato al gol è stato grave. Domenica scorsa lo spirito è stato buono ma occorre soffermarsi anche su un altro aspetto: al principio della stagione la difesa era a quattro e poi si è passati a tre. In più questa squadra segna poco. Cambiando il modo di giocare i risultati non sono migliorati: l'Udinese ad esempio doveva essere più accorta contro il Bologna, dopo un bel primo tempo". 

"Non conosco a fondo l'allenatore, è un ragazzo di gran volontà, gran lavoratore, ha anche delle idee. Con il Genoa ha azzeccato i cambi. Il problema è che sta praticando un gioco che non ha mai fatto in Spagna. Credo che un 4-4-2 potrebbe fruttare di più, venendo così incontro anche alle caratteristiche dei giocatori. Credo che si debbano favorire i calciatori nelle posizioni e nel modulo. E' subentrata un po' di confusione anche se col Milan sembrava che ci fosse un po ' più di chiarezza. La classifica è quella e allora dai addosso all'allenatore anche se poi in campo vanno i giocatori e capitano errori come quello che ha portato al gol del Milan. Adesso c'è l'Empoli che finora ha giocato meglio dei friulani: adesso c'è Iachini che l'anno scorso ha fatto molto bene con il Sassuolo e che avrà anche il dente avvelenato con l'Udinese considerato che due anni fa fu mandato via a mio parare un po' troppo velocemente".