Milan, Pioli in conferenza: "L'Udinese è una squadra che sta bene, noi in emergenza. Ibra? Non è una figurina"

18.01.2020 15:00 di Stefano Pontoni Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Milan, Pioli in conferenza: "L'Udinese è una squadra che sta bene, noi in emergenza. Ibra? Non è una figurina"

Domani alle 12.30 il Milan affronterà l'Udinese in campionato a San Siro. A parlare nella consueta conferenza stampa di vigilia il tecnico rossonero Stefano Pioli.

Ore 13.45 comincia la conferenza di Pioli

La fase difensiva è migliorata molto?

"La squadra sta lavorando tanto, stiamo trovando equilibri con un sistema di gioco diverso ma tutti sono attivi e pronti, per mettere pressione l'avversario. Dobbiamo avere la consapevolezza che siamo una squadra che può fare gol e non subire gol".

Domani 60 mila tifosi a San Siro... 

"I nostri tifosi stanno dimostrando una passione incredibile. Ci stanno sostenendo con convinzione e bisogna prendere stimoli da loro. Domani comincia il girone di ritorno e dobbiamo ottenere più vittorie a San Siro". 

Il Milan è guarito? 

"Stiamo bene mentalmente e fisicamente, bisogna aggiungere punti importanti alla classifica dopo un girone d'andata non all'altezza. Bisogna partire con il piede giusto nel girone di ritorno". 

I punti nel girone di ritorno? 

"Fare 50 punti vuol dire non fare un campionato all'altezza di questo club. Dobbiamo migliorare nel girone di ritorno".

Come stanno gli infortunati?

 "Speravo di recuperare qualche giocatore in più. Siamo in emergenza ma chi giocherà darà il massimo".

Castillejo titolare fisso? 

"Sta ritrovando la condizione giusta, ogni occasione che ha di giocare deve sfruttarla al massimo"

Donnarumma? 

"Sta bene, ha fatto tutto l'allenamento di oggi e credo che possa giocare"

Ibra? 

"Sta dimostrando di non essere una figurina, ma un grande giocatore sia con le prestazioni in campo che in partita. E' una manna dal cielo averlo con noi, non vuole perdere nemmeno il torello e le partitine". 

Mercato? 

"Non ne voglio parlare, ma solo della partita di domani".

Gli allenamenti prima di Ibra erano inferiori come intensità? 

"Con lui si è alzato il livello, vuole il massimo da tutti i compagni".

Suso può andare altrove per riscattarsi? 

"Le critiche ci devono far crescere, in Suso ci credo perchè ha qualità importanti".

Paquetà come sta?

"Sta bene, si allena bene ed è chiaro che non può essere soddisfatto se non gioca. Non è un esterno puro, cerco di mettere in campo le caratteristiche giuste, gli devo chiedere cose diverse se gioca lui. Importante è avere una squadra equilibrata".

Calhanoglu recuperato? "Non ha recuperato completamente, ha avuto un risentimento muscolare. Giusto non rischiare per le prossime". 

L'Udinese temibile? 

"Ha una media punti importante, sta bene come squadra. L'allenatore ha fatto un bel lavoro perchè il gruppo in campo corre, ed è una squadra fisica". 

Qual è il segreto del Milan in difesa? 

"Il segreto è avere dei principi di gioco chiari, nella fase difensiva la squadra sa come muoversi, dobbiamo avere questa voglia da lavorare da gruppo, comunicare tra di noi".

Passo in avanti dei singoli? 

"E' stato il lavoro, c'erano tante piccole cose da sistemare. Ibra ci sta dando tanto, la squadra è cresciuta parecchio grazie al lavoro. Sfruttiamo questo momento positivo". 

Begovic? 

"E' stato preso per fare il secondo portiere. Ma sono molto contento di Antonio Donnarumma, felice della sua prestazione in Coppa Italia".