Udinese e l'incubo gennaio: quasi un k.o. ogni due gare negli ultimi 10 anni

08.01.2019 12:00 di Federico Mariani  articolo letto 609 volte
Udinese e l'incubo gennaio: quasi un k.o. ogni due gare negli ultimi 10 anni

Il countdown verso la ripresa della Serie A è iniziato. La lunga sosta non ha inibito la fantasia dei tifosi e non mancano le aspettative su un 2019 ancora tutto da scoprire. Tradizionalmente l’Epifania era la data per il rientro in campo, ma il calendario dell’attuale campionato ha preferito posticipare la ripartenza due settimane più tardi. I traguardi di fine stagione sembrano lontani, ma gennaio può già fornire risposte importanti. L’Udinese guarda alle sfide iniziali dell’anno nuovo con la fiducia derivante dal successo nell’ultimo match del 2018, ma storicamente il mese di apertura ha due volti.

C’è il lato negativo: gennaio è un periodo tradizionalmente sfavorevole per i bianconeri. Lo conferma il trend delle ultime stagioni, con il drastico risveglio dai sogni di una clamorosa cavalcata verso le zone nobili della classifica, quelle che regalano il pass per l’Europa. Sempre nello stesso mese, nel 2012, il tricolore, da obiettivo reale e concreto, si è lentamente trasformato in un miraggio in seguito ai k.o. contro Genoa e Juventus. Ma allargando il quadro e guardando l’intero anno calcistico, c’è un altro dato allarmante: i primi 31 giorni sono spesso disastrosi per l’Udinese, che, nell’ultima decade ha perso ben 19 incontri su 44, il 43% delle gare giocate. Inoltre, dal gennaio 2009 ad oggi, i friulani hanno sempre perso almeno una gara nel mese di apertura. L’inizio d’anno peggiore rimane indubbiamente quello del 2014, con un poker di sconfitte che indirizzò definitivamente in modo negativo la fine dell’avventura di Francesco Guidolin sulla panchina bianconera. Ironia della sorte, la prima vittoria arrivò proprio il 1 febbraio, quasi a voler dimostrare l’esistenza di una maledizione. Ed effettivamente, nell’ultima decade, gennaio rimane uno dei mesi più indigesti per l’Udinese, il terzo peggiore dopo aprile e novembre.

Non manca naturalmente anche il lato positivo. Nelle ultime quattro stagioni, i bianconeri hanno sempre vinto almeno una gara nei primi 31 giorni dell’anno. Tendenza confermata dagli ultimi 10 campionati: solamente in due occasioni i friulani hanno chiuso gennaio senza almeno un successo. La miglior apertura avvenne nel 2011: quattro vittorie ed un solo pareggio, peraltro a San Siro, contro il Milan poi scudettato. Quei 13 punti furono il preludio allo storico quarto posto centrato dagli uomini di Guidolin a fine campionato. E che il buongiorno si veda dal mattino può essere testimoniato anche dall’inizio di 2013, con 3 centri ed una sola sconfitta. Un avvio positivo, seguito da un girone di ritorno straordinario e da un ottimo quinto posto finale. Dunque i precedenti per iniziare nel miglior modo possibile l’anno non mancano. E, pensando alla posizione in classifica, dove ogni singolo punto può fare un’enorme differenza, servirà veramente una partenza “Guidolin style” all’Udinese di Nicola.